calcio

PSG, il tridente è un problema: “Con palla persa, Neymar, Messi e Mbappè devono prendere un taxi per tornare”

BRUGGE, BELGIUM - SEPTEMBER 15: Neymar and Lionel Messi of Paris Saint-Germain react during the UEFA Champions League group A match between Club Brugge KV and Paris Saint-Germain at Jan Breydel Stadium on September 15, 2021 in Brugge, Belgium. (Photo by Lars Baron/Getty Images)

L'ex calciatore del PSG Omar de Fonseca ha sottolineato che con tre calciatori così offensivi e che difficilmente tornano ad aiutare i compagni, il modo migliore per evitare rischi è non perdere mai il possesso del pallone. Il che però...

Redazione Il Posticipo

Quando una squadra costruita per vincere come il Paris Saint-Germain non porta a casa il risultato, le critiche sono sempre dietro l'angolo. Figurarsi poi se questo accade nella partita di Champions League che in teoria dovrebbe essere la più semplice del girone, quella contro il Bruges. Il pareggio con la squadra belga ha subito messo in chiaro un paio di cose: che non bastano Messi, Neymar e Mbappè per vincere per forza le partite e che lo stellare trio d'attacco di Pochettino va supportato a dovere. Come? In teoria, con l'ausilio di chi possa correre anche per loro. Ma visto che di centrocampisti di contenimento il PSG non ne ha neanche uno, sono quelli presenti a dover fare un altro lavoro.

CENTROCAMPISTI - Lo spiega senza troppi peli sulla lingua Omar da Fonseca, ex calciatore argentino con un passato proprio al PSG e ora opinionista di BEinSports. Analizzando la partita con il Bruges, Fonseca ha sottolineato che con tre calciatori così offensivi e che difficilmente tornano ad aiutare i compagni, il modo migliore per evitare rischi è non perdere mai il possesso del pallone. Cosa che ai centrocampisti di Pochettino al momento non riesce benissimo. "Wijnaldum e Paredes sono stati inesistenti. Se vuole giocare con questi tre attaccanti, il PSG deve avere dei centrocampisti con una certa capacità di gestire il pallone e con una certa idea di calcio. Non chiedo che siano Iniesta e Xavi, ma serve qualcosa di più...".

 LISBON, PORTUGAL - AUGUST 23: Leandro Paredes of Paris Saint-Germain and Serge Gnabry of FC Bayern Munich battle for the ball during the UEFA Champions League Final match between Paris Saint-Germain and Bayern Munich at Estadio do Sport Lisboa e Benfica on August 23, 2020 in Lisbon, Portugal. (Photo by David Ramos/Getty Images)

TAXI - E per un paio di ottimi motivi. Il primo è che i tre lì davanti non possono sempre inventarsi la giocata. "Nonostante possa contare su un tridente da sogno con Neymar, Messi e Mbappè, la produzione offensiva del PSG lascia parecchio a desiderare. Il che può diventare un problema". Ma soprattutto, se i francesi perdono il pallone, si ritrovano a difendere...in otto, perchè il super tridente non è esattamente composto da calciatori tatticamente proni a rientrare sottopalla... "Il PSG dovrà risolvere un dilemma importante. Quando la squadra perde il pallone, Neymar, Messi e Mbappè devono prendere un taxi per tornare. E questo sarà un handicap...". Insomma, se qualcuno non si mette a difendere, persino la squadra dei sogni rischia di fare qualche figuraccia...