Problemi con Klopp e con i compagni, Manè apre all’addio: “Si sente in secondo piano rispetto a Salah, tutti i meriti vanno sempre all’egiziano”

Sarà anche un ragazzo d’oro, ma non per questo bisogna immaginare che il buon Sadio Manè non si arrabbi mai. Anzi, di recente sembra farlo con una certa frequenza, soprattutto se c’è di mezzo…Salah. E questo rapporto complicato potrebbe portarlo a lasciare il Liverpool…

di Redazione Il Posticipo

Quando si parla di Sadio Manè, difficile non lanciarsi in meritatissimi complimenti. Il senegalese è uno dei migliori calciatori del mondo, è stato protagonista della splendida cavalcata del Liverpool in Premier League e anche dal lato umano è un po’ una mosca bianca in un mondo come quello del pallone. Sanè è quello che non sa che farsene di dieci Ferrari e che preferisce aiutare i bambini del suo paese, che non cambia il cellulare nonostante uno schermo palesemente rovinato. Ma non per questo bisogna immaginare che il buon Sadio non si arrabbi mai. Anzi, di recente sembra farlo con una certa frequenza, soprattutto se c’è di mezzo…Salah.

MERITI – E come spiega Mundo Deportivo, proprio a causa dell’egiziano (ma non solo), l’attaccante del Liverpool potrebbe considerare l’idea di cambiare aria. E magari di arrivare a Barcellona, sostituendo Messi o affiancandolo in caso di permanenza della Pulce. Tutta questione…di meriti. Il quotidiano spagnolo sottolinea come nel corso delle ultime stagioni il rapporto di Manè con Klopp e con il Liverpool in generale sia andato deteriorandosi. E questo perchè al senegalese non viene riconosciuta troppa importanza. Del trio d’attacco dei Reds, Manè è quello che ha reso di più nella stagione in corso. Eppure a finire sotto i riflettori è sempre Salah.

ESTIMATORI – Con cui tra l’altro il senegalese ha avuto già qualche attrito, con una discussione negli spogliatoi per un pallone non passato da parte dell’ex romanista. Insomma, almeno dal punto di vista mediatico, Manè si sente in secondo piano rispetto all’egiziano o a capitan Henderson. Abbastanza per vagliare la possibilità di un addio? Secondo Mundo Deportivo, sì. E il Barça si interessa, anche perchè Koeman conosce bene l’attaccante, avendolo già allenato ai tempi del Southampton, prima che il Liverpool lo portasse ad Anfield. Certo, al Camp Nou Manè avrebbe anche un altro estimatore non da poco: Leo Messi ha votato proprio per lui quando c’è stato da scegliere il The Best. Peccato che, anche se i blaugrana dovessero spendere i 120 milioni che chiede il Liverpool, non è detto che Manè in Catalogna…ci trovi la Pulce!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy