Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Premier League, Shearer contro l’assegnazione al Liverpool: “Se non si giocano tutte le giornate non si può andare in giro a dare titoli”

L'ex bomber della nazionale di Sua Maestà è molto chiaro. Senza le 38 partite canoniche, il campionato non si può considerare terminato. E di conseguenza, il Liverpool non può essere considerato campione d'Inghilterra.

Redazione Il Posticipo

A causa della pandemia di Covid-19, la stagione calcistica è in forte dubbio ovunque e tutti i campionati cercano di capire come gestire la situazione. Se si dovesse riprendere a giocare in tempi brevi, sarebbe possibile terminare tutti i tornei e stabilire titoli, promozioni e retrocessioni. Ma se così non fosse, bisognerà prendere delle decisioni. In Italia si prendono in considerazione diverse opzioni, mentre in Premier League il campo si restringe a due. In caso di sospensione definitiva, o il titolo si assegna il Liverpool (primo con 25 punti di vantaggio) o la stagione si cancella del tutto. La seconda è l'opzione più giusta secondo Alan Shearer.

38 GIORNATE - L'ex bomber della nazionale di Sua Maestà è molto chiaro nella sua rubrica sul Sun. Senza le 38 partite canoniche, il campionato non si può considerare terminato. E di conseguenza, il Liverpool non può essere considerato campione d'Inghilterra. "Se, ed è un enorme se, la stagione non potrà essere completata, allora non ci sarà modo di avere vincitori e perdenti. E per quanto tremendo e orribile possa essere per alcune squadre, per il Liverpool soprattutto, è l'unico risultato possibile. Se non si riescono a completare le giornate, allora non si può andare in giro a dare titoli o a considerare la possibilità di retrocedere qualcuno".

SEI PUNTI - La situazione in Premier è diversa da tutti gli altri tornei, dove la lotta è più o meno aperta. È evidente che se ci si trovasse una situazione normale i Reds avrebbero vinto il titolo a breve. Ma con i se non si fa la storia e non si scrivono gli albi d'oro."Per il Liverpool sarebbe un finale davvero duro da accettare. Ma non vedo come sarebbe giusto assegnare loro il titolo, nonostante sia assolutamente ovvio che nessuno li riprenderebbe, ormai. A loro servono sei punti per essere campioni, ma non li hanno ancora fatti e per questo motivo la stagione deve essere considerata cancellata e nulla. Sarebbe stato molto diverso se lo stop fosse arrivato quando il Liverpool aveva già matematicamente conquistato il titolo. Ma non è stato così e, per quanto sia uno scenario davvero orribile, è l'unica opzione praticabile". Semplice e conciso. Anche se spiegarlo ai tifosi dei Reds non sarà mica così facile...