Premier League, Austin chiede di adottare la VAR in…diretta TV: “È ridicolo, la Premier è il miglior torneo al mondo, agli arbitri serve aiuto”

Charlie Austin, attaccante del Southampton, è andato davanti alle telecamere per farsi portavoce del disagio della sua squadra nei confronti di una rete annullata nel match contro il Watford. E il suo…discorso pro-VAR è già virale.

di Redazione Il Posticipo

Quello della VAR in Premier League è un argomento abbastanza…sensibile. Tra i grandi campionati, quello inglese è l’unico a non aver ancora adottato l’ausilio elettronico agli arbitri. Dopo averlo provato nelle altre competizioni (FA Cup e Coppa di Lega), i club non hanno raggiunto un accordo e hanno ritardato di almeno un anno la sua possibile introduzione. Per la gioia dei tradizionalisti, che vedono nella VAR un modo di snaturare il buon vecchio football. Ma un po’ meno per la gioia di chi si ritrova vittima di decisioni arbitrali discutibili, che un’occhiata al video da parte dell’arbitro avrebbe potuto rettificare facilmente.

FUORIGIOCO? – È il caso del Southampton e di Charlie Austin, che dopo la partita contro il Watford, terminata per 1-1, è andato davanti alle telecamere per farsi portavoce del…disagio della sua squadra nei confronti di una rete annullata che, a conti fatti, è costata la vittoria ai Saints. E dire che il Southampton era andato anche in vantaggio con gol di Gabbiadini! Austin stesso aveva raddoppiato, ma l’arbitro ha annullato per fuorigioco di un compagno, Maya Yoshida, che secondo il direttore di gara ha toccato il pallone nell’azione incriminata. Una possibilità scartata dai replay e che ha decisamente fatto infuriare l’attaccante, che davanti alle telecamere della BBC si è prodotto in una filippica che è già entrata nella storia.

BARZELLETTA – “È ridicolo. Il Watford non doveva avere la possibilità di rientrare in partita, abbiamo segnato un gol regolarissimo che è stato annullato per fuorigioco. Gli arbitri ci sono costati due punti, è davvero una cosa assurda. La gente parla tanto del VAR. Beh, gli arbitri hanno assolutamente bisogno di aiuto. E se la Premier League è il miglior campionato del mondo, quello più visto ovunque, allora dobbiamo dare agli arbitri tutto l’aiuto di cui hanno bisogno. Altrimenti resta tutto una barzelletta”. Parole che potrebbero costare ad Austin provvedimenti disciplinari, ma che sottolineano una cosa: che ci sia o no, la VAR è sempre argomento di discussione. E a questo punto, forse, anche in Premier si convinceranno dell’inevitabile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy