Premier e Black Lives Matter, Sterling: “Ricominicia il campionato del cambiamento”

Premier e Black Lives Matter, Sterling: “Ricominicia il campionato del cambiamento”

L’attaccante del Manchester City racconta le sue esperienze e spiega come l’attuale movimento anti-razzismo possa ispirare il cambiamento.

di Redazione Il Posticipo

Ricomincia la Premier. E Sterling, protagonista con il suo City, si augura che la ripresa della Premier coincida con l’inizio del cambiamento. L’attaccante racconta le sue esperienze a sky sports e spiega come il Black Lives Matter possa ispirare il cambiamento.

RAPPRESENTANTE- Sterling si sente rappresentato dal movimento culturale: nonché rappresentato.  “Mi sento come se stessi parlando per la maggior parte dei neri, tutti sono stanchi. Persone come me hanno una piattaforma per portare il messaggio nei posti giusti e innescare il cambiamento”. Il giocatore denuncia ciò che accade negli spogliatoi: “A volte ho sentito parole pronunciate in modo scherzoso. Alcune persone possono riderci, ma altre possono pensare che si sia autorizzati a deriderci. Non posso dire che sia succedendo troppo di recente, ma in passato ho sentito commenti ironici”.

GIOCARE – Qualche suo collega, di fronte ai buu razzisti ha smesso di giocare. “Amo me stesso il colore della mia pelle e in una giornata di campionato la cosa più importante per me è vincere. È così che sono cresciuto. È il primo pensiero nella mia testa. Se qualcuno non volesse giocare avrebbe il mio appoggio, m personalmente, vorrei rimanere in campo e rispondere vincendo la mia partita”

RIPRESA  – Si parla anche di calcio. Il City torna finalmente in campo. “Nelle prime settimane mi è piaciuto avere del tempo libero perché come calciatore vivo sempre lontano dalla famiglia. Ricordo con piacere aver potuto dare una  mano con i bambini, cambiare i pannolini e i biberon. Negli ultimi tempi, però, ero ansioso di  tornare sul campo. Adesso ci aspetta una grande sfida con l’Arsenal di Arteta, che ha avuto grande influenza su di noi. Non sarà facile perché conosce ogni dettaglio del nostro gioco, ma allo stesso tempo, siamo pronti e concentrati sul tentativo di ottenere un risultato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy