Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Premier, allo studio le misure per chiudere entro il 31 luglio: clausura compresa…

La Premier fissa una videoconferenza nel weekend: le misure, clausura di sei settimane compresa, sono studiate per chiudere la stagione entro il 31 luglio. Impossibile andare oltre per evitare conflitti con i contratti dei giocatori e gli sponsor.

Redazione Il Posticipo

La Premier League inizia a vedere la luce in fondo al tunnel. In Inghilterra così come riportato dal Mirror c'è fiducia che il campionato, sospeso da metà marzo possa terminare entro la fine di luglio. Per la gioia dei tifosi del Liverpool e soprattutto degli sponsor dei reds...

CLAUSURA - Nel prossimo weekend è in programma una nuova videoconferenza per tracciare le linee guida definitive. La scadenza che la Premier vuole raggiungere per terminare la stagione è il 31 luglio. Impossibile chiudere oltre per evitare conflitti con i contratti dei giocatori e gli sponsor (uno su tutti quello che fornisce le maglie al Liverpool). Per riuscirci, è fondamentale prevenire ogni forma di contagio. Ecco perché starebbe prendendo l'idea di trascorrere 6 settimane in completo isolamento, uscendo solo  solo per allenarsi e giocare. E chi gioca in trasferta condividerebbe l'hotel con la squadra padrona di casa. Clausura che varrebbe anche per i tifosi. In via del tutto eccezionale, la Premier potrebbe trasmettere in chiaro i match in modo da evitare assembramento. Vietato scendere in strada per festeggiare il titolo. Con buona pace dei tifosi del Liverpool che aspettano da 30 anni questo momento.

RIPRESA -  In Inghilterra il lockdown è in atto sino al 7 maggio, ma alcuni club, come l'Arsenal, hanno già riaperto le porte, sanificate, dei loro centri sportivi consentendo ai giocatori di allenarsi individualmente. I calciatori sino allo "sblocco" frequenteranno le strutture a turni, evitando di riunirsi. A far sperare sono anche le regole imposte dal governo. La quarantena nel Regno Unito è meno ferrea rispetto ad altri paesi europei. Ecco perché filtra un certo ottimismo: in fondo restano otto giornate e 92 partite. C'è tutto il tempo per riprendere con una seconda preaseason e poi scendere in campo per chiudere in tempo. Nel prossimo weekend tutte queste intenzioni doverebbero trasformarsi in ufficialità. Anche se l'ultima parola, questa volta, non spetta al campo ma al virus.