Povero Mou, ci mancava…SuperMario: anche Balotelli prende in giro lo United

Povero Mou, ci mancava…SuperMario: anche Balotelli prende in giro lo United

Giornataccia per Mourinho, soprattutto quando si parla…di Italia. Prima gli segna Rudiger, ex romanista, poi c’è la quasi-rissa con lo staff di Sarri. E alla fine arriva anche la punzecchiata da un azzurro che lo Special One conosce molto bene…

di Redazione Il Posticipo

Giornataccia per Mourinho, soprattutto quando si parla…di Italia. Prima gli segna Rudiger, ex romanista. Poi quando la partita sembra ormai finita con una vittoria a Stamford Bridge, pareggia Barkley e Marco Ianni, assistente di Sarri, gli va ad esultare in faccia. E come se non bastasse, l’ultima frecciata in ordine di tempo arriva da un azzurro. Anzi, per essere precisi da un ex…Sky Blue che il portoghese conosce molto bene. Da buon ex calciatore del Manchester City, Mario Balotelli non si è ovviamente fatto sfuggire l’occasione di prendere in giro lo United per il pareggio arrivato all’ultimo minuto.

CUORE CITY – SuperMario l’ha ovviamente fatto attraverso i social e la sua story di Instagram ha, come sempre, fatto il giro del mondo. L’immagine in questione è un simpatico collage, con in sottofondo la TV. Il risultato è già sul 2-2 e Balotelli non riesce a trattenere le risate. Emoticon d’ordinanza con le lacrime agli occhi, l’immagine di una scimmia sorpresa e la scritta “Manchester United fans…”. E giù altre risate. A…titolare il tutto: “Come City always”, sempre forza Man City. Una squadra che, nonostante l’avventura all’Etihad sia durata appena tre anni, pare essere rimasta nel cuore di SuperMario. Del resto, proprio in uno storico derby di Manchester terminato 6-1 aveva mostrato la celebre maglia “why always me?”, oltre ad aver regalato ad Aguero l’assist che nel 2012 è valso un campionato.

MOURINHO – E Mourinho, non è nel cuore di Balotelli? Eppure anche con lo Special One Balo ha portato a casa qualche trofeo… Ma i rapporti tra i due sono sempre stati abbastanza particolari, come del resto era particolarmente immaginabili visto il carattere dei protagonisti. Dalla dichiarazione di Mou sui neuroni di SuperMario, alla maglia tirata alla fine della semifinale di Champions nell’anno del Triplete, tra i due c’è stato parecchio…odio e amore. Certo, magari dopo oggi la bilancia penderà un po’ più da uno dei due lati. Anche perchè, tra un pareggio deludente e la quasi-rissa con la panchina del Chelsea, al povero Mou…mancava solo Balotelli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy