calcio

Portieri volanti – Quando l’estremo difensore gioca in avanti

Negli ultimi sei minuti della finale di Copa Libertadores, Guillermo Barros Schelotto ha dato il via libera al suo portiere Esteban Andrada di salire a dare una mano ai compagni. Non è il primo 'portiere volante' della storia.

Redazione Il Posticipo

Con le mani e con i piedi. Non è un incitamento da DJ anni '80, bensì quanto accaduto ieri nel convulsissimo finale della sfida infinita fra Boca Juniors e River plate. Gli Xeneizes erano ridotti in 9 uomini, a quel punto Andrada, estremo difensore, ha deciso di trasformarsi in un giocatore di movimento. Una sorta di portiere volante, termine molto noto a chi amava praticare il calcio da ragazzino negli anni '80/90 quando nessuno voleva andare in porta e allora, per accontentare tutti, anche chi stava fra i pali partecipava all’azione. Chiaramente dal cortile ai campi professionistici il passo è enorme, ma ci sono stati comunque alcuni interpreti che hanno reso onore anche a livello mondiale, al bistrattato ruolo di portiere volante.

Potresti esserti perso