Pogba, niente riposo: c’è da combattere…la paura più grande!

A guardarlo non si direbbe mica che Paul Pogba possa avere paura di qualcosa. Eppure il francese sta lavorando per superare una fobia molto particolare: quella dell’acqua.

di Redazione Il Posticipo

A guardarlo, grande e grosso com’è, non si direbbe mica che qualcosa sia in grado di fare paura a Paul Pogba. Del resto, il campione del mondo ha affrontato a viso aperto avversari temibili e partite dall’importanza indescrivibile e a venticinque anni è di certo uno dei calciatori più celebri e considerati del mondo. Se si tratta di campo, il centrocampista del Manchester United non si spaventa assolutamente di nulla. Il problema, come riporta il Daily Star, è fuori dal rettangolo verde. C’è un qualcosa che rende Pogba…più umano. Una fobia comune a tante persone, in tutto il mondo. L’ex juventino…ha paura dell’acqua.

NUOTO – Anzi, più che dell’acqua in sè, di nuotare. E quindi, approfittando della pausa per le nazionali a cui non ha preso parte per un infortunio, il francese sta rimediando nel centro sportivo dello United. Lezioni di nuoto organizzate dallo staff del club e un obiettivo ambizioso: riuscire a fare dieci vasche entro il 2019. Semplice? Beh, non per chi non ha mai nuotato in vita sua. E come riporta una fonte interna al club, Pogba ha deciso che è arrivato il momento di superare il proprio atavico timore. “Si è reso conto di aver ritardato troppo al riguardo e naturalmente più passa il tempo più complicato diventa imparare”.

SOTT’ACQUA – Sì, ma un conto è non saper nuotare e un altro essere terrorizzati dall’acqua. Ma la fonte citata dal Daily Star conferma che si tratta di un problema reale. “Quando è in vacanza ogni  volta che mette piede in piscina lo fa solo per rinfrescarsi e fare qualche passo. Ma non mette mai la testa sott’acqua. Alcuni dei suoi amici gli hanno quindi consigliato di parlarne con lo staff dello United, di prendere lezioni per superare questa sua paura. E lui li ha presi alla lettera”. Come vanno allora le lezioni? “Quando comincia è sempre un po’ ansioso, ma una volta che parte va sempre meglio”. Come a molti accade in campo. Non a Pogba, che però si sente fuori luogo…in acqua. Del resto, a ognuno la sua battaglia!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy