Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pogba diviene un caso: gli ultras del PSG si dissociano dallo striscione ostile al francese

(Getty Images)

ll pomo della discordia si lega ad uno striscione ostile schierato davanti al Parc des Princes e al centro di formazione di Saint-Germain-en-Laye.

Redazione Il Posticipo

Pogba rischia di diventare un caso. Come riportato dal Le Parisien il centrocampista dello United, in scadenza di contratto nel 2022, è seguito da vicino anche dal PSG. Una idea evidentemente poco gradita a una parte di tifoseria che ha chiaramente protestato riguardo il possibile arrivo del campione del Mondo.

STRISCIONE  - ll pomo della discordia si lega ad uno striscione ostile schierato davanti al Parc des Princes e al centro di formazione di Saint-Germain-en-Laye. Un messaggio che non lascia molto spazio alle interpretazioni.  “Pogba, dovresti ascoltare tua madre, lei non ti vuole qui, nemmeno noi".  Una presa di posizione piuttosto forte, proprio mentre il centrocampista è vicino a ridiscutere un contratto non ancora firmato. E qualora non si mettesse nero su bianco, il PSG, come molti altri top club è alla finestra.

DISSOCIATI - Resta da capire chi sia il... "mittente" del malcontento. In molti hanno indicato come autori del gesto il collettivo Ultras Paris. La tifoseria organizzata parigina però si è immediatamente dissociato da qualsiasi gesto legato allo striscione. E poiché tutto il mondo è paese, ne è nata una polemica mediatica, cavalcata dai media locali. Il Collettivo ha assicurato, anche attraverso il proprio profilo twitter, di non aver mai promosso alcuna iniziativa che screditasse Pogba. Probabilmente si tratta di un'azione isolata. I "cani sciolti" del resto esistono anche in Francia.

MARSIGLIA - In attesa di scoprire di chi sia la "mano" che ha utilizzato la bomboletta spray, resta da capire perché a Parigi vi possa essere astio nei confronti di uno dei migliori centrocampisti del mondo. Una delle ipotesi più accreditate, e neanche troppo campata in aria, risale a delle dichiarazioni rilasciate qualche anno fa a SFR sport.  Parole di simpatia per l'Olympique Marsiglia, non esattamente il club più amato nella capitale francese. "Mio padre era un tifoso del Marsiglia e anche io lo seguivo spesso. Poi, giocando a calcio, ho smesso un po'. Però ho ancora diversi amici che mi costringono a vedere tutte le sfide dell'OM". Possibile che qualcuno non abbia dimenticato? Beh, considerata la rivalità che divide le due squadre, non è una possibilità da scartare a priori. Anzi.