Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pochettino, un “no” che fa rumore anche in chiave Juventus: l’argentino ha rifiutato il Monaco perchè vuole prendere tempo…

L'allenatore argentino ha detto di no al Monaco, che lo voleva per rilanciarsi dopo alcune stagioni in chiaroscuro. Ma in un momento così particolare, prendere tempo significa anche aspettare che si smuova qualcosa. Di panchine non saldissime in...

Redazione Il Posticipo

Per chi non ha ancora una panchina è decisamente un'estate sui generis. Di solito, a luglio inoltrato tutti i giochi sono fatti e chi non è sotto contratto con una squadra non può far altro che sperare che in autunno qualche collega venga esonerato o si dimetta. E invece i tecnici liberi sono costretti ad attendere, perchè a causa del Covid-19 la stagione non è ancora finita. Anzi, per chi si giocherà le coppe europee (dunque, le big), rischia di durare più di un altro mese. Dunque, chi è in cerca di un club si mette in coda e valuta. Rifiutando anche alcune offerte importanti.

MONACO - È il caso di Mauricio Pochettino, esonerato dal Tottenham nello scorso novembre e che ora vorrebbe rimettersi in gioco. Ma questo non significa che ogni proposta per lui sia quella giusta. Da quanto spiega TheAthletic, l'allenatore argentino ha detto di no al Monaco, che lo voleva per rilanciarsi dopo alcune stagioni in chiaroscuro. Il suo nome era in cima alla lista per la sostituzione di Robert Moreno, anche considerando che il nuovo DS della squadra del Principato ha già lavorato con lui sia al Southampton che successivamente al Tottenham. Ma evidentemente il progetto del Monaco, che alla fine ha preso Kovac, non era di suo gradimento.

PANCHINE NON SALDE - The Athletic racconta che Poch ha intenzione di prendersi del tempo prima di decidere dove tornare. Il che, in una stagione normale, avrebbe significato forse un anno sabbatico. Ma in un momento così particolare, prendere tempo significa anche aspettare che si smuova qualcosa. Del resto, di panchine non saldissime in giro per l'Europa ce ne sono eccome, comprese quelle di alcune big. Qualche giorno fa si è fatto proprio il nome di Pochettino come prima opzione per sostituire Sarri alla Juventus. Il tecnico toscano, con la vittoria dello scudetto, dovrebbe tenersi stretta la panchina, ma non è detto che una prematura eliminazione in Champions non possa costargli il posto. E lo stesso può valere per Solskjaer, in caso di mancata qualificazione in Champions o di flop in Europa League. Dunque, il "no" di Poch è di quelli che fanno rumore...