Pochettino, nervi tesi: “Il mercato fatto così ci penalizza e noi glielo permettiamo”

Pochettino, nervi tesi: “Il mercato fatto così ci penalizza e noi glielo permettiamo”

Il manager del Tottenham non parla più di Dybala e si lamenta del regolamento che ha impedito di chiudere le trattative in entrata, ma non quelle in uscita.

di Redazione Il Posticipo

Pochettino, nervi un po’ tesi in conferenza. Il manager del Tottenham è molto contrariato dopo la chiusura del mercato. Gli spurs evidentemente non sono riusciti a  centrare tutti gli obiettivi prefissati e oltre al danno c’è la beffa: il mercato aperto in uscita rischia di depauperarne ulteriormente la rosa.

NON VA – Pochettino non le ha certo mandate a dire, in conferenza stampa. Le sue parole sono riportate dal Daily Mail: “Siamo in grave svantaggio rispetto agli altri club europei che hanno  20 giorni per operare e penso che sia stato un grosso errore da parte della Premier League permettere questa situazione. Tenere le porte aperte in uscita significa permettere a chi milita negli altri campionati di creare confusione nella squadra. Penso che il sistema non funzioni, e visto che il resto d’Europa non ha cambiato atteggiamento sarebbe il caso di tornare all’antico. Non possiamo dare questo vantaggio a possibili avversari in Champions League che possono venire qui a chiederci i giocatori”.

MERCATO – Ogni riferimento ad Eriksen, evidentemente, non è certo casuale: “Io mi fido assolutamente di lui: tutti i nostri giocatori hanno una grande professionalità, non metto certo in dubbio il loro impegno, sia se abbiano uo due o cinque anni di contratto”.  Chiuso il mercato interno, chiusa ovviamente anche la questione Dybala, si guarda oltre. “ In questa finestra di mercato siamo stati associati a tanti nomi di calciatori, come quello che lei mi ha appena fatto, ma sono solo voci. Questa è la mia sesta stagione al Tottenham e ho sentito  migliaia  di nomi di giocatori associati a noi. Sia in entrata che in uscite. Anche per i tifosi è difficile capire dove sia la verità e sono più che soddisfatto di avere la squadra che abbiamo già dopo la chiusura della finestra di trasferimento in Inghilterra”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy