Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pochettino: “Io e Mbappé restiamo al 100%. Critiche dopo Madrid? La linea fra successo e fallimento è sottile”

In vista della sfida con lo Strasburgo il tecnico argentino promette o... minaccia che resterà ancora al PSG. E sgancia anche una bomba di mercato.

Redazione Il Posticipo

Finalmente campione di Francia Mauricio Pochettino continua a togliersi qualche sassolino dalle scarpe. In vista della sfida con lo Strasburgo promette o... minaccia che resterà ancora al PSG. E sgancia anche una bomba di mercato. La sua permanenza coinciderà con quella di Kylian Mbappé. Le parole del tecnico argentino sono riprese dal Le Parisien.

FUTURO - Una vittoria in Ligue 1 che non alleggerisce una pressione enorme. Il titolo, a Parigi, è considerato il minimo sindacale e non garantisce la conferma. "Abbiamo un rapporto molto professionale con Leonardo e ci confrontiamo su diversi diversi argomenti che ovviamente variano anche a seconda delle circostanze. Continuiamo a lavorare come ho sempre fatto accumulando anche tanta esperienza. Ho imparato molto in un anno e mezzo. Questo ci dà quella esperienza  per migliorarsi, lo stiamo facendo e lo faremo nelle prossime settimane"

RINNOVI - Esiste dunque la possibilità di un rinnovo. E non solo il suo. "Molto se non tutto è dipeso dalla sfida di ritorno con il Real Madrid. Se ci fossimo qualificati affronteremmo discorsi assolutamente diversi. Il limite tra fallimento e successo è a volte una linea molto sottile. La storia di questa stagione avrebbe potuto assumere pieghe diverse. Sono sicuro al 100% in questo momento di restare. E vale anche per Mbappé. Intanto può e deve diventare capocannoniere. Una volta raggiunto l'obiettivo collettivo, possiamo concentrarci sugli obiettivi individuali. Kylian avrà il supporto che merita, non ci saranno problemi per i suoi compagni di squadra nell'aiutarlo a raggiungere questo obiettivo".

NEYMAR - C'è spazio anche per parlare del rientro di Neymar. "Il talento del brasiliano è assolutamente indiscutibile. Stiamo parlando di uno dei migliori calciatori al mondo dell'ultimo decennio, anche se in questa stagione ha vissuto diversi alti e bassi di rendimento come è accaduto anche nei mesi precedenti. Ha avuto un paio di gravi infortuni che lo hanno condizionato e non possiamo non tenerli in considerazione nella valutazione della sua annata".