Poch polemico…con la dirigenza del Tottenham: “Io manager? Sono solo quello che allena i giocatori”

Poch polemico…con la dirigenza del Tottenham: “Io manager? Sono solo quello che allena i giocatori”

L’argentino ha detto provocatoriamente di sentirsi un “manager” e non un “allenatore”. Il motivo del suo sfogo affonda le radici nel calciomercato: Mauricio Pochettino non si sente affatto coinvolto nella campagna trasferimenti del club inglese.

di Redazione Il Posticipo

A Mauricio Pochettino è bastata una domanda sul futuro di Danny Rose per perdere la calma. L’argentino si è rifiutato di rispondere al quesito posto dai giornalisti e ne ha approfittato per spiegare come stanno le cose in casa Spurs. Il club sta disputando un buon pre-campionato, ma dei nuovi acquisti non se ne vede nemmeno l’ombra… a parte Tanguy Ndombele e Jack Clarke, che però è già tornato a Leeds. Poch ha ribadito il suo pensiero dopo l’1-0 col Real Madrid nella Audi Cup.

“NON SO NULLA” – L’argentino ha risposto in maniera polemica alla provocazione dei giornalisti desiderosi di sapere il futuro di Rose, come riportato dal Sun: “Mercato? Non me ne occupo io. Non so niente della situazione dei miei giocatori, li sto solo allenando. Acquistare o vendere giocatori, estendere contratti o non estenderli… Tutto questo non è nelle mie mani, ma in quelle del club e del presidente Daniel Levy. Al momento sto solo gestendo la squadra nel miglior modo possibile”. Non è la prima volta che l’argentino ha mandato una frecciata al club, che quest’estate ha chiuso il primo trasferimento dopo 518 giorni di stop… peccato che sia durato appena un minuto.

MANAGER O ALLENATORE? – Sul sito ufficiale del Tottenham, Pochettino viene definito “manager” ma secondo il diretto interessato le cose stanno diversamente: “Forse il club dovrebbe chiamarmi in un altro modo perché il mio lavoro è allenare la squadra. Non sono responsabile delle situazioni sul mercato. Sono il capo che progetta la strategia, la metodologia, la filosofia. In questo momento penso solo di essere l’allenatore di questa squadra”. Si pensava che dopo la finale di Champions l’argentino e la società fossero in sintonia, ma queste ultime dichiarazioni fanno intendere il contrario. Il Tottenham ha preso il centrocampista Tanguy Ndombele (72 milioni di euro bonus compresi al Lione) e l’esterno offensivo Jack Clarke (più di 10 milioni al Leeds), ma l’argentino non è comunque soddisfatto in vista di un’annata in cui è chiamato a confermare le cose buone fatta nella scorsa stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy