Pjanic, il “portafortuna” della Juventus: con la Signora ha fatto 13…

Il centrocampista bosniaco è quasi sempre decisivo. I suoi gol hanno portato qualcosa come 12 vittorie sulle tredici segnature totali. E sono sempre gol da fuori….

di Redazione Il Posticipo

Pjanic, il portafortuna della Juventus. Il centrocampista bosniaco è un vero e proprio valore aggiunto. La rete con il Brescia è la tredicesima con la maglia bianconera. E quando va in gol, la partita, di solito, è in banca. Anzi, lo è quasi sempre.

SCORE  – Lo score del ragazzo è impressionante. Quando ha segnato i bianconeri hanno sempre portato a casa la vittoria. Successo, sinora, in tredici occasioni, quanto basta per portare a casa dodici vittorie. Pjanic ha trovato la via della rete due volte con Sassuolo, Torino. Quindi ha segnato anche al Genova, Chievo, Sampdoria, Udinese, Bologna, Lazio, Verona Napoli e Brescia. In tutte queste occasioni, solo nella sfida contro il Grifone la rete non è bastata per portare a casa i tre punti.

CECCHINO – La vera soluzione in più garantita dall’ex centrocampista della Roma, fra l’altro, è la conclusione da fiori. Da calcio da fermo è spesso letale, ma anche quando gli spazi si intasano, la soluzione ideale consiste nel consegnare il pallone fra i piedi sapienti del calciatore bosniaco. I dati opta, del resto, testimoniano numeri da assoluto “cecchino”: basti pensare che 10 degli ultimi 11 gol  sono arrivati da fuori area. In generale è il centrocampista che dal 2016/17 ad oggi ne ha totalizzati di piú da fuori in campionato: ben dieci.

QUALITÀ – Insomma, quando il gioco si fa duro e la partita complicata, meglio affidarsi a chi ha più soluzioni. E in questo senso il bosniaco è una garanzia. Oltre a fungere da raccordo e punto di riferimento di compagni, è un calciatore che, in una Juventus che ancora non ha ancora assimilato i concetti di gioco del tecnico, è capace come pochi di pescare il jolly. Se ne è giovato Allegri. Adesso è il turno di Sarri. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy