Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pjanic e la bianconera nostalgia: ecco chi è riuscito a tornare a Torino…

ROME, ITALY - MAY 07:  Massimiliano Allegri, head coach of Milan celebrates the victory after the Serie A match between AS Roma and AC Milan at Stadio Olimpico on May 7, 2011 in Rome, Italy.  (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Pjanic segnali di un possibile ritorno. Ecco chi l'ha fatto. E non se n'è affatto pentito...

Redazione Il Posticipo

PJANIC

 GENOA, ITALY - MARCH 17: Juventus player Miralem Pjanic and Genoa player Esteban Rolon during the Serie A match between Genoa CFC and Juventus at Stadio Luigi Ferraris on March 17, 2019 in Genoa, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Bianconera nostalgia. Un sentimento che ha assalito spesso chi ha lasciato la Signora pentendosene. Come Pjanic che in Catalogna non ha trovato spazio né soddisfazioni. Il centrocampista bosniaco, uno dei calciatori più amati da Allegri nel suo primo ciclo alla Juventus, tornerebbe volentieri a Torino e secondo le ultime notizie di mercato sarebbe anche pronto a ridursi l'ingaggio pur di non soffrire più lontano da... casa. Ecco chi è riuscito a tornare a Torino. E non se ne è affatto pentito.

ALLEGRI

 (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Allegri a Torino. Metti un incontro alla partita del Cuore, per riassaporarne l'atmosfera. Aggiungerci la nostalgia.  Agitare bene con l'addio di Paratici, l'agrodolce stagione di Pirlo e le tonnellate di rimpianti per il tecnico anche dopo la parentesi, seppur vincente, di Sarri. La tifoseria ha spesso evocato l'allenatore capace di centrare due finali di Champions in tre anni e vincere sempre in Italia. Ed è stata accontentata.

TOR(I)NO SUBITO

 (Photo by Valerio Pennicino - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Torino subito. Il ritorno alla Juventus di Gigi Buffon dopo un anno è soltanto una ripetizione di un copione già visto la scorsa estate con Leonardo Bonucci. Già perché nell'estate 2017, il difensore viterbese era stato venduto al Milan. La linea difensiva bianconera ne soffre e la Signora lo richiama sacrificando il cartellino di Caldara e Higuain in prestito. Certo, il 19 rende molto ma molto meglio a Torino.

NOSTALGIA

 (Getty Images)
—  

7 ore e 40 minuti. Ecco quanto ci vuole in macchina da Torino a Parigi. A questo tempo basta aggiungere undici mesi. Tanto ha resistito Gigi Buffon, lontano da Vinovo. Il portierone è tornato dopo una sola stagione in Francia. Impossibile resistere al richiamo di... casa. E in bianconero con ogni probabilità chiuderà la carriera, sognando la Champions.

CASA

 (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Dove c'è Juventus, c'è... casa. L'ultimo grande nonché graditissimo ritorno per i tifosi bianconeri è quello di Alvaro Morata. L'attaccante spagnolo ha sempre detto di aver lasciato il cuore a Torino, unica città dove si è sentito davvero amato e apprezzato. E così dopo aver lasciato Londra per tornare a Madrid, rifà le valigie per rivestire la maglia della sua Signora.

PALLONE D'ORO

 (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
—  

Dopo calciopoli insieme a Capello ed Emerson, nel 2006, anche Fabio Cannavaro parte per Madrid per vestire la camiseta blanca anche il fresco campione del Mondo e futuro Pallone d'Oro Fabio Cannavaro. Il quale, dopo aver festeggiato due campionati spagnoli vinti, ha poi deciso di tornare a Torino, anche se sarà fra i pochi a non trovare grande fortuna nel suo secondo corso in bianconero.

VINCENTE

—  

Dal campo alla panchina. Un altro ritorno è quello di Marcello Lippi. Già perché, per tornare al punto di partenza, Lippi allena la Juventus dal 1994 al 1999. Dopo una stagione all'Inter, non riesce a legare con il suo  torna a Torino per altre 3 stagioni. 13 trofei in bianconero con il grande rimpianto di non essere stato l'unico tecnico della storia bianconera a sollevare due Champions.

TRAPATTONI

 CARDIFF, WALES - AUGUST 14: Ireland national team manager Giovanni Trapattoni looks on during the International Friendly match between Wales v Ireland at the Cardiff City Stadium on August 14, 2013 in Cardiff, Wales. (Photo by Matthew Horwood/Getty Images)
—  

Un percorso molto simile a quello di Lippi, quello di Giovanni Trapattoni che vince tutto con la Juventus nel decennio fra l 1976 e il 1986 e poi lascia un ricordo indelebile anche a Milano vincendo lo scudetto dei record con l'Inter nel 1988/1989 e una Coppa Uefa nel 1990/1991. Torna a alla Juve dove non rinverdisce gli anni '80 ma riesce comunque a portare a casa una Coppa UEFA.