Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La “maledizione” del 9 di Suarez: Pistolero in Liga, liquidator in Champions…

(Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Suarez non riesce più a essere decisivo nell'Europa che conta.

Redazione Il Posticipo

Il Milan ha convissuto per anni con la maledizione del "9" prima di approdare nuovamente in Champions. E per la prima a San siro, c'è Suarez. Paradossalmente, il miglior cliente possibile da affrontare per la squadra rossonera. Fra l'attaccante e la Champions c'è una idiosincrasia fuori dal comune. I numeri testimoniano che il puntero soffre, e non poco, in campo internazionale. Basti pensare che la sua ultima realizzazione risale al 2-8 fra Barcellona e Bayern Monaco. E l'ultimo gol segnato fuori casa risale addirittura al 16 settembre 2015, quando andò a segno all'Olimpico contro la Roma.

BUIO - In Liga, i numeri sono da... pistolero. Capocannoniere dell'Atletico con 21 gol in 32 partite. E in generale 168 reti in 230 partite secondo i dati riportati da transfertmarkt. In Europa invece, il centravanti non riesce a essere decisivo. 26 gol in 67 presenze, di cui più della metà (15) fra il 2014/2015 e il 2015/2016. Giocare nell'Europa che conta, da qualche anno, diviene addirittura un problema. Lo scorso anno la Champions del pistolero si è chiusa con rendimento da... liquidator. Senza una sola rete all'attivo. Incredibile per un attaccante della sua categoria e con il suo curriculum. Ma non certo una novità. Il trend negativo dell'attaccante uruguaiano prosegue da diversi anni.

CALO - Il calo di Suarez in Champions è evidente. Ha debuttato nell'Europa che conta nella stagione 2010/2011 con la maglia dell'Ajax e da allora non aveva mai chiuso una stagione senza trovare la via della rete. In Spagna, con il Barcellona, ha segnato sette gol, di cui uno in finale con la Juventus, nel 2015. La stagione successiva si è anche migliorato, centrando il bersaglio in otto occasioni. Poi, il crollo. Tre reti nel 2016/2017. Nel 2017 e nel 2018 è andato a segno solo una volta. Un guizzo nel 2019/2020, quando ne ha messi a segno cinque. In generale, però, dieci gol in un triennio. Poco, quasi niente rispetto alle attese.

 (Photo by Angel Martinez/Getty Images)

RECORD - Ciò che colpisce, fra l'altro, è la costante incapacità di trovare la rete lontano da casa. Con lo 0-2 maturato a Londra, ultima gara giocata in trasferta, Suarez ha raggiunto un record poco invidiabile. Ben 25 partite (totali, non consecutive)  senza trovare la via della rete fuori casa. L'unica speranza, per i tifosi rossoneri, è che l'aria italiana non risvegli un istinto sopito negli ultimi anni.