Pirlo-Cristiano Ronaldo, abbiamo un problema: il Maestro…gli ha sempre preferito Messi!

Il primo obiettivo di Andrea Pirlo come tecnico della Juventus sarà trovare una sintonia immediata con Cristiano Ronaldo. La vocazione offensiva del Maestro dovrebbe garantire che al portoghese le sue idee piacciano, ma forse al primo incontro dopo le vacanze ci sarà un piccolo punto…su cui discutere.

di Redazione Il Posticipo

Nel calcio si gioca in undici, ma c’è sempre qualcuno che è più speciale degli altri. E in una squadra con in rosa un calciatore di livello superiore, sempre meglio per l’allenatore (ma non solo) andarci d’accordo. Del resto, la storia di Leo Messi insegna. Chi non fa breccia nel cuore della Pulce, a Barcellona non fa molta strada. Ecco perchè il primo obiettivo di Andrea Pirlo come tecnico della Juventus sarà trovare una sintonia immediata con Cristiano Ronaldo. La vocazione offensiva del Maestro dovrebbe garantire che al portoghese le sue idee piacciano, ma forse al primo incontro dopo le vacanze ci sarà un piccolo punto…su cui discutere.

IL MIGLIORE – Come era facilmente prevedibile, all’annuncio di Pirlo come nuovo tecnico bianconero, molti sono corsi a rileggersi cosa il Maestro abbia detto nel corso degli anni su Cristiano Ronaldo. Ma la questione non è tanto sul parere del campione del mondo 2006 riguardo il portoghese, ma su quello che l’allenatore della Juventus…pensa di Messi. Per almeno tre volte, Pirlo ha definito l’argentino “il migliore”. In una foto su Instagram, in un’intervista a Sky Sport e in una conversazione con il Daily Mail nel 2015. Quando gli hanno chiesto chi è stato l’avversario più forte mai affrontato, il Maestro ha sempre risposto che si trattava della Pulce.

SQUADRA CHAMPIONS – E quando parlando con il tabloid inglese c’è stata da costruire il suo undici ideale della storia della Champions League, Pirlo ha…fatto uno sgarbo a Cristiano. Vero, il tecnico bianconero ha scelto molti ex compagni di squadra e di nazionale (Buffon, Cafu, Cannavaro, Maldini, Gattuso, Kakà e Inzaghi), ma aggiungendo quelli che ha incontrato solamente da avversario ci ha messo Lahm, Scholes, Xavi e…Messi, escludendo il portoghese. Un qualcosa che a CR7, conoscendolo, non starà certamente troppo bene. Ma chissà, forse sarà un parere che servirà a spronare il cinque volte Pallone d’Oro. Del resto, dimostrare con i fatti la sua superiorità è…il passatempo preferito dello juventino…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy