Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Piqué: “Sogno di diventare il presidente del Barcellona”

  (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il centrale alle prese con il lungo infortunio, parla anche del suo futuro.

Redazione Il Posticipo

Piquè ai box. Il centrale del Barcellona è costretto ad un lungo stop da un infortunio al ginocchio. Il calciatore catalano ha nel futuro immediato un rientro per dare una mano ai compagni. E in quello un po' più lontano... di dirigerli. Non dal campo, ma dalla scrivania. Sogna di diventare presidente. Le sue parole sono riprese da AS.

MESSI - Piqué è un tifoso culè doc. E in primis vuole una squadra competitiva. E ciò non può prescindere dalla conferma di Leo Messi. "Dovremo chiederlo a lui, ma io spero che rimanga al Barca, poi vedremo cosa succederà. Credo che finché continuerà a indossare la maglia del Barça ci sarà sempre speranza. Speriamo che i nuovi proprietari sappiano convincerlo e resrti ancora a lungo".

FUTURO - La sua, di permanenza, non è in discussione. E anche il futuro potrebbe essere legato al club. Si parla da tempo di un suo potenziale ruolo da presidente. "Nelle elezioni che ci saranno a breve  ora non posso ma in futuro non si sa mai. Sono molto, molto culé e vorrei aiutare la squadra del mio cuore e  poterlo fare nel migliore dei modi. Per essere presidente occorre essere molto preparati. Lo farò se un giorno, davvero, ma solo se capirò di essere in grado di fornire un contributo al mio club. Voglio essere certo di essere utile alla causa, altrimenti nn mi presenterò. Non posso comunque negare che diventare presidente del Barcellona è un sogno  che ho sempre avuto ma non so se si realizzerà. in futuro".

SUAREZ - Quel che è certo è che non ha condiviso alcune scelte. "Posso dire che mi ha intristito molto l'addio di Suarez. Abbiamo trascorso moltissimo tempo insieme, ed  è stato un compagno eccezionale con cui ho condiviso viaggi , allenamenti, alberghi, partite. Sono stato bene con lui".