Piqué, due strade: terapia conservativa o intervento chirurgico. Un bel rebus…

A Piqué forse è andata meno peggio del previsto, ma la scelta, per certi versi è ancora più complicata

di Redazione Il Posticipo

A Piqué forse è andata meno peggio del previsto, ma la scelta, per certi versi è ancora più complicata. Dopo l’infortunio maturato in occasione della sfida con l’Atletico Madrid, il calciatore, come riportato dal Mundo Deportivo, ha riportato una distorsione del legamento collaterale del ginocchio con un interessamento parziale del crociato. Dunque il calciatore potrebbe sottoporsi ad una terapia conservativa e e ridurre così i tempo di recupero. Non è ancora stato escluso, però, che Piqué possa andare sotto i ferri. Decisivo, in questo senso, il parer del dottor Cugat che è già intervenuto su Ansu Fati.

TEMPISTICHE – Resta da capire quali sia la soluzione più adatta per il calciatore: nelle previsioni più ottimistiche, nonché quelle, allo status quo, meno probabili, Piqué resterebbe lontano dai campi per otto settimane. Un trattamento conservativo allungherebbe i tempi sino a quattro mesi. Se invece sarà necessario l’intervento del chirurgo, l’assenza si dilaterebbe fino a sei mesi.

ASSENZA –  Le fonti riportate dal Mundo, storicamente molto vicino al Barcellona, riportano che in questo momento non è previsto un intervento. In ogni caso la scelta non è definitiva, né sarà presa a brevissimo giro di posta. La sensazione è che possa ancora passare qualche giorno, prima di dare un responso definitivo sul tempo che Piqué dovrà passare lontano dal campo.

RIPERCUSSIONI – Il Barcellona vuole prendersi meno rischi possibili, anche perché la scelta implica anche l’intervento o meno sul mercato. Avere Piqué a febbraio, in tempo per giocare la Champions, è un ipotesi e in quanto tale legata all’evoluzione della situazione. Se invece il ragazzo non dovesse farcela si renderebbe necessario intervenire anche sul mercato considerando che Umtiti è spesso alle prese con problemi fisici e l’unico che offre garanzie è Lenglet. L’alternativa è spostare De Jong, ma una soluzione tampone non può essere definitiva.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy