Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Petkovic: “Italia favorita per la vittoria all’Europeo. Lazio, terzo incomodo nella lotta scudetto”

Il Commissario Tecnico della Svizzera, a margine di un evento, ha parlato di Europei e Lazio. E ritiene che la truppa di Inzaghi possa arrivare sino in fondo a dire la sua nella lotta scudetto...

Redazione Il Posticipo

Vladimir Petkovic è uno spettatore potenzialmente interessato a Napoli - Lazio. Il suo passato contro un possibile futuro. Il suo nome è tornato d'attualità per la panchina azzurra. Prima, però, c'è un Europeo da affrontare. Il commissario tecnico della nazionale elvetica ha parlato a margine della diciannovesima edizione del Premio Gianni Brera.

ITALIA - Il mercato può muovere diverse pedine. Compreso qualche importante calciatore svizzero. Il CT è proiettato sull'Europeo. E le condizioni della squadra lo soddisfano. "Per ora la squadra sta bene. Spero che stia bene anche a giugno. Valuteremo i giocatori, di certo qualcuno potrebbe cambiare squadra in questa sessione di mercato, ma noi inizieremo a fare sul serio dal prossimo marzo, quando sono programmate le amichevoli in Qatar". Il girone non è impossibile. "L'Italia è favorita nel nostro girone ma credo lo sia anche in generale: ha una ossatura molto giovane, con tantissimi margini di miglioramento".

LAZIO - Dall'azzurro alla Lazio: la sua ex squadra sta disputando un campionato oltre le più rosee aspettative. Nessuno parla apertamente di scudetto, ma se la squadra si trovasse in corsa a marzo, sarebbe lecito pensarci. Petkovic non esclude i biancocelesti dalla lotta al titolo. "La Lazio sta disputando un grande campionato. Ha acquisito fiducia e costanza di rendimento. Credo che la posizione in classifica rispecchi le sue potenzialità. Scudetto? L'aritmetica dice che è un obiettivo raggiungibile. Ha una partita in meno e la possibilità di avvicinarsi ancora di più. Credo possa fungere da terzo incomodo, molto pericoloso. Ha un tecnico che è diventato importante negli anni. E giocando insieme, tutto il gruppo è cresciuto: la squadra fa risultati anche grazie a Lotito e Tare che hanno abbassato l'età media della squadra rendendola più forte".