Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Petit boccia Messi: “Non è CR7: il portoghese è un mostro, lui ha al massimo altri due anni al top. E non è adatto alla Premier League”

Il francese, ex blaugrana, parla del momento attuale del Barcellona, ma soprattutto prende in considerazione la possibilità che Messi lasci la Catalogna per la Premier League. Bocciando però senza appello la Pulce, preferendo dedicare parole...

Redazione Il Posticipo

La sua unica stagione a Barcellona non è stata memorabile. Ed Emmanuel Petit sembra non aver mai digerito quel piccolo fallimento in carriera. Ai microfoni di Paddy Power il francese parla del momento attuale, ma soprattutto prende in considerazione la possibilità che Messi lasci la Catalogna per la Premier League. Bocciando però senza appello la Pulce, preferendo dedicare parole dolci...a Cristiano Ronaldo.

UNO O DUE ANNI - "Messi non è Cristiano Ronaldo. Dal punto di vista fisico non è una macchina come il portoghese. CR7 è un mostro, Messi ha solo uno o due anni a disposizione per giocare ai massimi livelli. Anche giocando vicino a compagni grandissimi al Barç, non avrebbe la stessa velocità o la stessa abilità nel dribbling. Sono certo che lui sia il primo a sapere che la fine non è poi così lontana". a differenza del portoghese, che ha detto spesso di voler giocare fino a 40 anni.

NO PREMIER - Ma Messi sarebbe devastante in Premier? Secondo Petit, no. "Onestamente, non credo che sarebbe adatto all'intensità dell'Inghilterra. Non gli piace essere chiuso e venire affrontato fisicamente e in Spagna è protetto. Sarebbe un piacere per i tifos inglesi vedere Messi in Premier League, ma non capisco perchè un club come il Manchester City, per dirne uno, dovrebbe cercare di comprarlo a 32 o 33 anni. Se il City avesse voluto acquistarlo, avrebbe dovuto provarci un paio di anni fa".

SCENDERE - E sul momento di crisi blaugrana, Petit ha le idee chiare. È quasi fisiologico, dopo anni al massimo. “Messi ha vinto tantissimo e quando guardo alla squadra del Barça di 10 anni fa, è evidente che all'epoca il club era al suo massimo splendore. Ed è normale che dopo aver raggiunto un livello simile, ci si rende conto che non c'è niente di più. E l'unica cosa che puoi fare è scendere, perchè non puoi stare al top per sempre".