Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pessina: “Buona partita, ma credo che il mister abbia già le idee chiare”

BERGAMO, ITALY - FEBRUARY 10: Matteo Pessina of Atalanta celebrates after scoring their side's third goal during the Coppa Italia match between Atalanta BC and SSC Napoli at Gewiss Stadium on February 10, 2021 in Bergamo, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

La sfida della Sardegna Arena lascia in eredità un ottimo Pessina. Un passo avanti importante. 

Redazione Il Posticipo

Il test match con San Marino serviva a Mancini per avere delle indicazioni importanti su chi, fra gli azzurrabili, meritava di essere promosso nella rosa che andrà a giocarsi l'Europeo. E la sfida della Sardegna Arena lascia in eredità un ottimo Pessina. Un passo avanti importante per il calciatore dell'Atalanta. La sensazione è che farà parte della lista dei 26.

PASSO AVANTI - Pessina ha giocato bene e convinto sia un fase di finalizzazione che di costruzione. Due gol e tante altre buonissime indicazioni. Una prestazione importante che chiude un'annata favolosa.  "Ritengo di aver dimostrato quanto valgo, ma no ritengo che sia stata questa la sfida decisiva. Credo che il mister abbia già fatto le sue valutazioni. Sono contento dei primi gol in nazionale ma anche quando gioco bene, posso fare sempre meglio. Sono arrivato a un buon punto, ma devo continuare a migliorare".

DEA - La scuola della Dea gli è servita molto. Una solida base tecnica e una grandissima duttilità. Ciò che serve per entrare nella lista dei 26. "Devo moltissimo a Gasperini, mi ha fatto crescere dal punto di vista calcistico ed umano. Sento poca pressione prima di giocare grazie alle sfide in ambito europeo. Penso che la grande dote di un giocatore sia quella di adattarsi anche ai moduli. Penso che sia una delle doti in assoluto più importanti che un calciatore debba avere.