calcio

Per Sarri serata da ricordare: vittoria, finale, ma c’è un…giallo! E la rete se la ride…

La prima ammonizione non si scorda mai. Sarri, furioso per un cartellino giallo rivolto a Jorginho, vede...l'arbitro segnare sul taccuino anche il suo nome. Una prima assoluta per il tecnico, che scatena l'ilarità del web.

Redazione Il Posticipo

Dopo ventinove anni di carriera, la prima ammonizione. Maurizio Sarri, alla guida dal Chelsea da questa stagione, conquista la prima finale sulla panchina dei Blues ed...il primo cartellino giallo. Una nuova regola in Inghilterra, che ha colpito il tecnico italiano nella sfida contro il Tottenham, vinta ai rigori.

GIALLO - Il primo cartellino giallo non si dimentica mai. Sarri, furioso per l'ammonizione inflitta dall'arbitro a Jorginho, non riesce a contenersi e a bordo campo esplode in un gesto d'ira che attira l'attenzione di Atkinson, a pochi passi da lui. Immediata la decisione del giudice di gara, che mantiene alto il cartellino e ammonisce anche il tecnico.

REGOLA - Una novità assoluta, inserita per la prima volta in Inghilterra nella Carabao Cup e nelle serie minori. Esclusa, per il momento, la Premier League. Un'ammonizione che, per lo più, verrà ricordata per la prima finale raggiunta da Sarri in Inghilterra. La vittoria contro il Tottenham ai rigori consente al Chelsea di andare a Wembley e giocarsi la vittoria della coppa contro il  Manchester City, battuto per 2-0 nell'ultimo incontro in campionato. Un'occasione che il tecnico ha intenzione di sfruttare nel migliore dei modi, per iniziare con una coppa la sua avventura nel Chelsea.

COMMENTI - Intanto però, la rete se la ride per la scenetta inaspettata. C'è chi si chiede come sia possibile che Sarri sia stato ammonito, mentre Dier, piuttosto prodigo di interventi non proprio tranquilli, ancora no. E qualcun altro è decisamente incredulo: "Davvero Sarri ha preso il giallo?". Decisamente sì. E qualcun altro, abbastanza comprensibilmente, si chiede cosa significhi. Una scena nuova per gli inglesi, figurarsi per Sarri. Che magari, pur avendo vinto la partita, se la ricorderà più per questo piccolo e strano particolare.