Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Per Mbappè occhio alla…”Zona Florentino”: il Real ha spesso chiuso sul gong i suoi grandi affari

(Photo by Matt Childs/Pool via Getty Images)

Mentre in Francia si costruisce la squadra dei sogni, a Madrid pensano come...smontarla. E più ci si avvicina alla fine del mercato, più si allunga su Mbappè l'ombra di Florentino Perez, l'uomo dei grandi acquisti dell'ultimo minuto...

Redazione Il Posticipo

Donnarumma in porta. Ramos e Marquinhos in difesa. Hakimi, Verratti e Wijnaldum dietro Messi, Neymar e Mbappé. Tutti insieme. Sportivamente parlando, sembra impossibile battere il PSG. E mentre in Francia si costruisce la squadra dei sogni, a Madrid pensano come...smontarla. La storia del Real Madrid insegna che non ci sono magnati che tengano. Se la Casa Blanca decide di aprire le porte a un nuovo inquilino, un modo si trova. In questo senso, secondo AS, il giorno dei giorni potrebbe essere il prossimo 31 agosto, ultima giornata di mercato nonché...territorio di caccia favorito del numero uno del Real.

GONG - In Spagna le ultime ore del calciomercato sono conosciute anche come la "zona Florentino". Il presidente dei Blancos durante i suoi vari mandati ha calato un poker di acquisti straordinario nell'ultima giornata di mercato: Ronaldo dall'Inter, Sergio Ramos dal Siviglia, Modric e Bale dal Tottenham. E tutto lascia credere che il prossimo possa essere Mbappé. Il francese ha rifiutato, una dopo l'altra, ben cinque offerte di rinnovo del PSG. E la società ha poche alternative: deve scegliere se cederlo nei prossimi giorni per i 160 milioni offerti dai Blancos o rischiare di perderlo gratis il prossimo anno. Insomma c'è tempo e spazio per piazzare il colpo.

 (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

GRATIS? - Le cessioni non vanno considerate solo dal punto di vista tecnico. La questione è squisitamente finanziaria e di immagine. Il PSG non può permettersi di perdere Mbappé a zero. Altrettanto innegabile che nessun calciatore del PSG ha potuto lasciare la squadra gratis senza pagarne le conseguenze. Per informazioni rivolgersi a Rabiot, lasciato in naftalina per sei mesi. Il caso Mbappé è però evidente diverso: il rinnovo, la cessione o il mandare in tribuna Mbappé ha risvolti economici, sportivi, politici e d'immagine. Il francese rientra nella strettissima schiera di calciatori in grado di poter scegliere come, quando e con chi giocare.

MADRID - Ecco perchè il Real attende con pazienza che ci si avvicini all'area... Florentino. Anche perché i rapporti con il PSG non sono più così idilliaci. Anzi, si sono già rovinati in occasione della Superlega. Il PSG non ha aderito e il Real, fra i soci fondatori si è sentito tradito. Quindi non ci si formalizzerebbe troppo nel generare uno strappo, che già è sembrato evidente dalle parole di Leonardo. Dunque, occhio al 31 agosto, il D-Day del tridente dei sogni. Il Real vuole infrangerlo per costruirsene uno tutto suo niente male. E in Spagna sono abbastanza certi che Perez ci possa riuscire.