Per Icardi due rivali inattesi al PSG: Cavani e…Carlos Bianchi!

Per Icardi due rivali inattesi al PSG: Cavani e…Carlos Bianchi!

Il Matador, amatissimo a Parigi, a prima vista dovrebbe essere il peggior “avversario” dell’argentino per un posto da titolare. E non è l’unico sudamericano che Icardi dovrà superare nel cuore del Parco dei Principi.

di Redazione Il Posticipo

Les jeux sont faits, come dicono da quelle parti. Nel più clamoroso degli acquisti sul filo di lana, Mauro Icardi diventa un nuovo giocatore del Paris Saint-Germain. Il club transalpino completa così una batteria di attaccanti che non ha eguali al mondo, soprattutto…per il prezzo, dato che Neymar e Mbappè sono costati circa 400 milioni, che il cartellino di Cavani è stato pagato altri 65 e che Maurito, se dovesse essere riscattato, ne costerebbe 70. A proposito del Matador, amatissimo a Parigi, a prima vista dovrebbe essere lui il peggior “avversario” dell’argentino per un posto da titolare. E non è l’unico sudamericano che Icardi dovrà superare nel cuore del Parco dei Principi.

CARLITOS – È addirittura la FIFA, con un tweet dedicato al suo acquisto, a scomodare il paragone più…bizarro che potesse venire in mente. Quello con il primo argentino che ha vestito la maglia del club parigino. Riuscirà Icardi a far meglio di…Carlos Bianchi? Sì, proprio lui, l’allenatore meteora della Roma degli anni Novanta, quello principalmente ricordato perché voleva disfarsi di un giovanissimo Francesco Totti. L’argentino a Parigi è più di un mito, è una leggenda. Costruita a suon di gol, perché per oltre trent’anni le sue 37 reti nel campionato 1977/78 sono state il record assoluto del club, superato poi da Ibra con 38 marcature nel 2015/16.

ARGENTINI – La domanda dunque è se Maurito riuscirà a superare il Vicerè, come era conosciuto Bianchi nella Ville Lumiere. Ma di compatrioti illustri di cui seguire le orme ce ne sono. Magari non quelle di Di Maria e Paredes, tanto per citare i due che troverà in rosa. El Fideo va troppo a intermittenza per essere considerato un top player, mentre l’ex romanista, dopo essere stato pagato 40 milioni, ha regalato una prima stagione anonima al Parco dei Principi. Forse meglio ispirarsi a Mauricio Pochettino, che ha giocato due stagioni da titolare a Parigi all’inizio del nuovo millennio. In ogni caso, Icardi è già atteso al varco, non solo dalla FIFA, ma anche dai tifosi. Intanto c’è da superare Cavani, nelle gerarchie e nelle simpatie del pubblico. Per Carlos Bianchi ci sarà tempo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy