Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Per Anelka meglio Anfield che il Bernabeu: “Salah e Manè potrebbero giocare nel Real, ma non c’è bisogno che ci vadano”

L'ex attaccante francese, che ha giocato con entrambe le squadre, spiega che i Reds non devono aver paura di perdere i loro campioni, perchè ora tutti vogliono giocare da quelle parti. Persino se chiama il Real Madrid...

Redazione Il Posticipo

Un giramondo del pallone come Nicolas Anelka ha parecchie ex squadre di cui parlare. Tra queste c'è anche il Liverpool, che lo ha accolto seppur brevemente nella seconda parte della stagione 2001/02. Per lui ad Anfield 22 partite e 5 gol, con prestazioni che non hanno convinto i Reds a riscattarlo dal Paris Saint-Germain. Ma nonostante questo, il francese mantiene un buon ricordo dell'esperienza sul fiume Mersey e quando c'è da fare i complimenti al Liverpool di oggi non si tira certo indietro. Anzi, in un'intervista al LiverpoolEcho spiega che i Reds non devono aver paura di perdere i loro campioni, perchè ora tutti vogliono giocare da quelle parti.

REAL - Dunque, nonostante si parli spesso di trasferimenti per Salah e Manè, Anelka è convinto che resteranno a Liverpool. E lo faranno anche a scapito di interessi importanti, come quello del Real Madrid, che segue sia l'egiziano che il senegalese. "Quello del Liverpool è un tridente eccezionale. Li amo tutti e tre, ma specialmente Firmino, che è la chiave del successo di Salah e Manè. Quei due sono tra i primi cinque calciatori al mondo in questo momento e hanno la qualità per giocare per il Real Madrid. Ma oggi come oggi, il Liverpool può competere per il Real, quindi non hanno bisogno di cambiare squadre. Liverpool al momento attuale è il miglior posto dove giocare per un calciatore".

KLOPP - Ora che è arrivata anche la Premier League, i tifosi dei Reds possono essere davvero soddisfatti, anche se come ricorda Anelka purtroppo non hanno potuto festeggiare con i loro beniamini. Ma se il Liverpool si gode questa nuova età dell'oro, gran parte del merito va a un signore di Stoccarda. E l'ex centravanti non può non sottolinearlo. “Klopp è un genio. Adoro il suo modo di allenare, il modo in cui gestisce la rosa e i calciatori che ha portato a Liverpool. Sono giocatori di livello mondiale e il club sarà competitivo per molti anni a venire. Klopp ha riportato il Liverpool dove meritava di essere". Cioè persino davanti al Real Madrid in termini di importanza...