Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pellegrini: “È una vergogna! Il pubblico della Liga paga il biglietto e vede tuffi e perdite di tempo…”

LIVERPOOL, ENGLAND - SEPTEMBER 16:  Manuel Pellegrini, Manager of West Ham United, and West Ham United Assistant Coach, Enzo Maresca give their team instructions during the Premier League match between Everton FC and West Ham United at Goodison Park on September 16, 2018 in Liverpool, United Kingdom.  (Photo by Stu Forster/Getty Images)

In Liga negli ultimi anni molte squadre hanno optato per un calcio difensivo, anche con mezzi non proprio sportivi. Pellegrini, però, vorrebbe un ritorno all’intrattenimento, soprattutto dopo la partita...di contenimento del Cadice con il suo...

Redazione Il Posticipo

Ogni campionato tra i massimi 5 europei parte dal punto di vista di giocare il miglior calcio. La verità la dice il campo? Non sempre e non solo. Perché nel confronto tra squadre di diverse nazioni nelle competizioni europee chi gioca meglio non sempre vince. E lì si torna alla solita disputa: bel calcio o calcio brutto ma cinico e vincente? In Liga, la preferenza media è sempre stata orientata verso il bel calcio ma negli ultimi anni molte squadre hanno optato per un calcio difensivo, anche con mezzi non proprio sportivi. Pellegrini, però, vorrebbe un ritorno all’intrattenimento.

RAZIONALITÀ CONTRO CUORE - L’allenatore cileno ex Real Madrid e Manchester City tra le altre è alla guida del Betis dalla fine della primavera del 2020. È sempre stato un allenatore che tende a preferire il bel gioco a un calcio cinico, vincente ma non bellissimo. Ma ora, vista l’apparente deriva della Liga, cerca di motivare gli allenatori a restituire al pubblico tutta la passione che ricevono. Pellegrini spiega a Marca: "La Liga è il campionato più lento d'Europa, con la minor quantità di calcio reale. La gente vuole guardare uno spettacolo e non glielo stiamo dando. La maggior parte delle perdite di tempo, il maggior numero di tuffi, è una vergogna. Dobbiamo fare uno sforzo tra arbitri e giocatori in modo che il campionato spagnolo non sia questa vergogna”.

 MALAGA, SPAIN - MAY 16: Head coach Manuel Pellegrini (L) gives instructions to Cristiano Ronaldo during the La Liga match between Malaga and Real Madrid at La Rosaleda Stadium on May 16, 2010 in Malaga, Spain. (Photo by Angel Martinez/Getty Images)

IL BIGLIETTO -C'è uno spettacolo di cui dobbiamo occuparci. La gente paga un biglietto per un motivo". Marca si sorprende della reazione dell’allenatore cileno in quanto la sua immagine è sempre associata a quell’uomo placido a bordocampo, seduto, composto e calmo. E in tutto ciò, Pellegrini resta coerente. La voglia è quella di tornare al bel calcio nonostante l’esordio in Liga abbia raccontato di un pareggio con il Cadice passato addirittura in vantaggio con la leggenda Alvaro Negredo e poi recuperato da Juanmi.  Ed è proprio la modalità di resistenza del Cadice che innervosisce Pellegrini: "Il Cadice è una squadra che si dedica solo alla difesa e se arriva in vantaggio la difficoltà è maggiore. Abbiamo cercato alternative, ma non siamo riusciti a trovare spazi per il secondo gol. Il Cadice difende solo. Gli ultimi 15 minuti non sono stati giocati". Insomma, un motivo c’è per lo sfogo ed è il solito: calcio razionale contro calcio d’intrattenimento; l’annosa questione.