Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Patatrac Bayern, svelato l’inghippo: Coman ha cambiato numero e…la team manager non se lo è ricordato!

 (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

Perchè il Bayern ha giocato una manciata di secondi in dodici contro il Friburgo? Questione di...forza dell'abitudine. Tutta colpa di Coman, che ha cambiato numero dopo sei anni, e della team manager Kathleen Krüger, che se lo è dimenticato!

Redazione Il Posticipo

In Germania, e non potrebbe essere altrimenti, tiene banco il caso Friburgo-Bayern, con i campioni in carica che rischiano di perdere a tavolino per aver giocato in dodici uomini una manciata di secondi del match. Una situazione tragicomica, con Sabitzer entrato sul terreno di gioco senza che Coman, colui che doveva essere sostituito nelle idee di Nagelsmann, lasciasse il campo. Il bello è che non se n'era accorto nessuno, almeno finchè il difensore dei padroni di casa Nico Schlotterbeck ha...chiesto all'arbitro se fosse normale che i bavaresi giocassero con un uomo in più. Ma perchè Coman non è uscito? Perchè in fondo la lavagnetta luminosa indicava il 29, mentre lui ha l'11. Ma c'è un ottimo motivo per questo errore.

NUMERI - Colpa...del francese e di Lady Bayern, ovvero la team-manager Kathleen Krüger. Come spiega la Bild problemi iniziano con la nuova stagione e con l'addio di Douglas Costa, che lascia libera la maglia numero 11. A prendersela è proprio Coman, che ha cambiato numero dopo una vita, considerando che aveva il 29 sulle spalle dai tempi del suo approdo all'Allianz Arena nel 2015. Dunque, questione di forza dell'abitudine, con la trentaseienne ex centrocampista che ha segnalato il 29 al quarto uomo per la lavagnetta pensando di comunicare l'uscita del transalpino, quando invece quest'anno il 29 non è proprio stato assegnato. Coman dal canto suo ha serenamente ignorato il cambio, visto che almeno lui se lo ricordava che il suo numero quest'anno è l'11, ed ecco fatto il patatrac.

LADY BAYERN - Un bel problema per i bavaresi, che però certamente non farà nulla per scalfire la fiducia della società in Krüger, che dopo una carriera in campo che non è andata come sperava ha deciso di farsi valere fuori, per giunta in un mondo che solitamente è abbastanza maschilista. La trentaseienne è team manager del Bayern ormai dal 2012 ed è stata inserita anche nella chat di Whatsapp della squadra. Una bandiera come Thomas Müller (uno che nello spogliatoio conta molto, come potranno confermare sia Ancelotti che Kovac) non fa nulla per negare la sua importanza e persino un grande ex come Pep Guardiola si fida così tanto di lei da averle affidato le chiavi della sua casa di Monaco di Baviera. Dunque, anche se l'errore dovesse costare tre punti, Lady Bayern può stare tranquilla: il club è tutto con lei, persino quando...dà i numeri!