Passione senza età, il calciatore più anziano del Regno Unito non molla: “A 83 anni posso giocare i 90′ “

Passione senza età, il calciatore più anziano del Regno Unito non molla: “A 83 anni posso giocare i 90′ “

Dickie Borthwick ama il calcio più di qualsiasi altra cosa e non ha nessuna intenzione di smettere nonostante la sue età. L’83enne si è raccontato ai microfoni di SPORTbible in un’intervista esclusiva: qualcuno deciderà di puntare ancora sulla sua fame?

di Redazione Il Posticipo

Ottantatré anni e non sentirli: Dickie Borthwick è un signore ancora vispo nonostante la sua età. Il calcio è stato la passione più grande della sua vita e non ha nessuna intenzione di rinunciarci alla soglia delle ottantaquattro candeline. Il giocatore più anziano del Regno Unito si è raccontato in esclusiva ai microfoni di SPORTbible e si è definito ancora “in forma come un violino” e ha detto di essere pronto per una nuova sfida. Chi deciderà di investire su di lui magari chiudendo un occhio di fronte alla sua carta d’identità? Un po’ di pubblicità potrebbe servire…

ELISIR – Il signor Dickie è un professionista serissimo. Prova a migliorarsi giorno dopo giorno nel giardino di casa sua: “C’è un muro, alleno il mio tiro tirando contro quei mattoni per mantenere le gambe in forma. Ogni mattina poi vado alla porta di casa mia e faccio dieci respiri profondi di aria fresca e ripeto la stessa azione prima di andare a letto”. L’ex ingegnere originario di Weymouth ha cominciato a giocare come attaccante, poi è diventato un’ala sinistra.

SVINCOLATO – Oggi Dickie è  senza squadra e sogna una nuova avventura: “Sono disponibile a qualsiasi cosa, mi manca terribilmente giocare a calcio”. Nella sua zona le cose non sono più le stesse di una volta: “Oggi sono molto competitivi e hanno giocatori di 35 o 40 anni. Una volta giocavamo a calcio una volta ogni due settimane. C’erano compagni e qualcuno con cui andare al pub dopo la gara. Oggi è tutto finito, quei tempi sono andati per sempre”.

OSSO DURO – L’ex ingegnere è dunque alla ricerca di nuove opportunità dopo aver preso parte a molte partite di beneficenza: “Mi sento in grado di giocare ancora 90 minuti. Ovviamente non ho intenzione di spingere come facevo trent’anni fa, ma andrei al mio ritmo che è costante”. Come la sua carriera. Ha disputato 1.600 partite negli ultimi 72 anni: undici squadre e 400 gol. Chi sa con quale maglia segnerà i prossimi…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy