Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Partire? Assolutamente no! Umtiti si aggrappa al contratto con il Barcellona e i tifosi sono furiosi

(Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

Il Barcellona cercava in tutti i modi di piazzare gli esuberi tra cui Umtiti ma ora il centrale francese ha deciso di non accettare le offerte e di attaccarsi al proprio contratto.

Redazione Il Posticipo

Un giocatore che esce dalle grazie di un allenatore è sempre una brutta grana da risolvere per una squadra. Peggio ancora se poi si vive un tentativo di rifondazione e si ha bisogno di liberarsi dei calciatori non più ritenuti indispensabili. Fare spazio, liberare fondi per gli stipendi. E questo ragionamento vale anche per i grandi club come il Barcellona. L’addio di Messi obbligato, le riduzioni di stipendio di giocatori importantissimi come Piqué parlano chiaro: l'imperativo è ottimizzare. Ecco perché si cercava in tutti i modi di piazzare gli esuberi tra cui Umtiti ma ora il centrale francese ha deciso di non accettare le offerte e di attaccarsi al proprio contratto.

MA QUALE ADDIO? - Nelle ultime settimane, come riporta il MundoDeportivo, Samuel Umtiti e il suo entourage hanno ricevuto molte offerte di cui hanno discusso con il club. Il difensore francese è ritenuto un ottimo giocatore ma guadagna davvero troppo… per quello che ha giocato nelle ultime stagioni, visti i gravi infortuni. Ora, però, il calciatore avrebbe deciso di non accettare nessuna delle offerte arrivate da vari club europei e di rimanere legato al proprio contratto con il Barcellona. Il pubblico blaugrana è fuori di sé: il giocatore ha smesso di piacere ai tifosi da quando ha perso la titolarità a seguito di un periodo di forma pessima e degli infortuni.

 (Photo by Jan Pitman/Getty Images)

FISCHI - Durante il trofeo Gamper, il giocatore è tornato in campo e i tifosi lo hanno sonoramente fischiato durante la gara e alla sua uscita dal campo per mandare un messaggio piuttosto chiaro: al Barcellona non è più il benvenuto. E lui, di tutta risposta sembrerebbe essersi messo a braccia conserte al tavolo delle trattative spiegando al Barcellona, con i suoi agenti, che non intende accettare le offerte ricevute. Anche il club è avvilito e infastidito da questa inversione di marcia del giocatore, non la prima, stando a quanto riporta il quotidiano spagnolo. Ora, quindi, il difensore ventisettenne sembra destinato a restare a Barcellona per un’altra stagione, se non per entrambe le stagioni rimanenti: il suo contratto scade nel luglio 2023.