Parola…di Hristo, Stoichkov tra Barça, Messi e Covid: “C’è bisogno di un ricambio generazionale, ma Leo non si muove. Il virus? È un affare…”

Quando parla Stoichkov, sempre meglio ascoltare con attenzione. Il bulgaro concede una lunga intervista a Infobae in cui si concentra sulla situazione del suo Barcellona e sul futuro di Messi. Senza dimenticare un pensiero al coronavirus, con una dichiarazione che certamente farà discutere.

di Redazione Il Posticipo

Parola…di Hristo. Quando parla Stoichkov, sempre meglio ascoltare con attenzione. Il bulgaro concede una lunga intervista a Infobae, in cui si concentra sulla situazione del suo Barcellona e sul futuro di Messi. Senza dimenticare un pensiero al coronavirus, con una dichiarazione che certamente farà discutere.

BARCELLONA – Stoichkov crede che il problema del Barça non sia aver perso la Liga quest’anno, ma non riuscire a guardare al futuro. “Quello che succede non è nulla di eccezionale, si vince e si perde e stavolta ha perso la Liga dopo anni che lo fa. Molti parlano di crisi, ma è normale. Quello che succede davvero è che il club deve rendersi conto che ha una rosa con un’età media molto alta e quindi deve fare progetti entro uno o due anni, altrimenti avrà problemi. Però è anche vero che la Liga è fatta da due squadra, Barça e Real…”. Viene dunque il dubbio che i calciatori di Setien siano il problema. Ma il bulgaro suggerisce che non sia così. “Non dico che ci siano dei perdenti. Che colpe si possono dare a Griezmann, che è campione del mondo? Dembélé ha 20 anni e deve ancora imparare molto. Gli manca qualcuno con cui lavorare. E al Barcellona mancano allenatori che facciano un allenamento specifico per reparto. Mi chiedo anche chi pagherà adesso 120 milioni per Dembélé, o Philippe Coutinho, per i quali si è spesa una fortuna. Ma la rosa non è fatta di perdenti, ha vinto tantissimo negli ultimi anni. Ha bisogno di un ricambio”.

MESSI E COVID – Ricambio che prima o poi dovrà toccare anche Messi. Che però, per Hristo, alla fine non se ne andrà dal Barcellona, nonostante i problemi con la società. “Messi è un mito, il più grande di tutti, ma come tutti ha bisogno di gente che lo possa aiutare, deve sapere che schema utilizzare. Ma in Sudamerica non devono farsi illusioni, finirà la carriera nel Barça, ha il DNA blaugrana. La società si aggrappa a lui, ma deve fare uno sforzo per migliorare la squadra. Migliore è la squadra e più felice è Messi. È un messaggio chiaro ai dirigenti. In ogni caso, quando giocavo io, quello che succedeva con la dirigenza non creava problemi come invece fa oggi”. A proposito di problemi, non sfugge un pizzico di…complottismo sul Covid-19. “È un virus ben pensato per persone specifiche, ha provocato trombosi e infarti. Ha dentro qualche materiale ben messo. Vedremo se col vaccino la questione si risolverà immediatamente. Io sto attento il triplo di prima, mi lavo le mani, faccio tutto quello che posso fare. Non mi credo diverso perchè mi chiamo Stoichkov. C’è gente che dice che non esiste, ma parla tanto per parlare. Nessuno dice la realtà di quel che è: un affare”. Come sempre, parola di Hristo. E che gli altri…ne facciano quel che vogliono.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy