Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Parla la signora che ha salvato Marcelo: “Sono del Real e conosco Perez, ma non sapevo lo avrei sostituito”

LISBON, PORTUGAL - MAY 24: Marcelo of Real Madrid celebrates victory at the final whistle in the UEFA Champions League Final between Real Madrid and Atletico de Madrid at Estadio da Luz on May 24, 2014 in Lisbon, Portugal.  (Photo by Michael Regan/Getty Images)

Nella capitale spagnola si sono tenute le elezioni, che rischiavano di impedire a Marcelo di giocare il ritorno della semifinale di Champions League contro il Chelsea. Ma la signora Cristina, che era la sua sostituta, si è offerta di...subentrare!

Redazione Il Posticipo

Per fortuna...arriva Cristina. No, non è il titolo di una serie TV, ma quello che hanno pensato Zidane e tutti i tifosi del Real Madrid nella giornata del 4 maggio. Nella capitale spagnola si sono tenute le elezioni, che rischiavano di impedire a Marcelo di giocare il ritorno della semifinale di Champions League contro il Chelsea. Il verdeoro, che ha la cittadinanza spagnola, è infatti stato estratto per fare il suo dovere civico come scrutatore al seggio e nella mattinata si è presentato regolarmente al suo posto. Ma la signora Cristina, che era la sua sostituta in lista, si è offerta di...subentrare al brasiliano, che quindi è potuto partire con la squadra verso Stamford Bridge.

MADRIDISTA - E siccome si parla di Real Madrid, spuntano le polemiche, perchè a molti è sembrato...quasi programmato che la sostituta di Marcelo decidesse di prendere il suo posto. Ma del resto, come ha spiegato la stessa protagonista di questa storia a El Partidazo de Cope e a Radio Marca, è stata anche una questione di cuore, per quanto, a suo dire, abbastanza casuale. "Sono tifosa del Real Madrid e conosco sia Florentino che la sua famiglia, ma non ci ho parlato. E non sapevo chi avrei sostituito al seggio". C'è da crederci? Chissà. Ma nel frattempo il brasiliano lo ha conosciuto. "Mi hanno chiesto se volevo sostituire qualcuno e poi mi hanno detto che era lui. Se dovesse chiamarmi, gli dirò di vincere col Chelsea. E se dovesse segnare sarebbe incredibile".

 (Getty Images)

FATICA - Dunque, mentre Marcelo si preparava per raggiungere i compagni sul volo per Londra, la signora Cristina ha partecipato all'election-day madrileno. E spiega che il brasiliano si è risparmiato una giornata molto faticosa. "Abbiamo lavorato parecchio, sono molto stanca. Sono stata al seggio fino alla fine e con il riconteggio dei voti abbiamo finito tra le 22 e le 22:30". Marcelo, tra l'altro, non è stato l'unico volto noto della giornata. "Mijatovic ha votato al mio tavolo, anche Lucas Vázquez era al mio seggio ma in un altro tavolo". E chissà come sarebbe stato divertente per l'ex DS o per il tuttocampista spagnolo sentirsi chiedere il documento di identità...dal brasiliano.