Papu Gomez: “Mi sarebbe piaciuto giocare tutti i 90′. Sono il capitano se non mi arrabbio io chi si deve arrabbiare?”

Sostituito, ma senza polemiche, il capitano analizza la gara.

di Redazione Il Posticipo

La Dea pareggia con l’Ajax una partita molto divertente che però gli è rimasta… in canna. Gasperini lo ha sostituito ma il Papu non fa polemiche anche se avrebbe preferito giocare tutta la partita. Le parole del capitano dell’Atalanta sono riprese da Sky Sport.

ORGOGLIO – La prima in casa, particolarmente sentita. “Ci rende orgogliosi aver portato il nostro club a giocare la Champions in questa città che ha sofferto molto, è stata una partita intensa, sofferta, tipica da Champions. L’abbiamo interpretata più in fase offensiva, anche io  ho cercato di giocare a ridosso dei difensori, così come hanno fatto anche i nostri avversari. Quasi tutte le squadre di questo livello comunque hanno giocatori di alto livello davanti, ma noi siamo stati bravi ad approfittare degli spazi che ci hanno concesso. Sul primo gol  ho capito subito che dovevo metterla di prima per Zapata. Se l’avessi stoppata, il difensore mi avrebbe preso il tempo”.

ARRABBIATO – Papu ammette di essere un po’ frustrato per il cambio.  “Eravamo 2-2 avevamo pareggiato, credo fosse normale voler restare in campo. Ero un po’ arrabbiato ovviamente, stavamo cercando di vincere la partita. Sono partite molto belle da giocare, è in questi momenti che ti rendi conto della competizione. Tuttavia accetto con rispetto le decisioni del mister, so che anche chi è entrato al mio posto aveva la mia stessa voglia di entrare. Comunque sono il capitano, se non mi arrabbio io (eufemismo) chi si deve incavolare?”. Si sdrammatizza con il sorriso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy