Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Papu al Siviglia con la benedizione di Burruchaga: “Può essere utilissimo”

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

L'autore del gol che ha regalato l'ultimo mondiale all'Argentina è lo scopritore del Papu.

Redazione Il Posticipo

Gomez al Siviglia con la benedizione di Burruchaga: l'autore del gol che ha regalato l'ultimo mondiale all'Argentina conosce benissimo il Papu. Lo ha scoperto e lanciato ai tempi dell'Arsenal de Sarandì. Le sue parole sono riprese da abc Sevilla.

CERTEZZE -  Burruchaga ha assicurato che Papu Gómez è il profilo ideale per il calcio di Julen Lopetegui. "Ero l'allenatore dell'Arsenal de Sarandí quando mi hanno raccontato di un ragazzo che aveva una grandissima personalità con la palla al piede. Papu aveva poco più di 13 anni. E lo abbiamo aggregato per la preseason. E ricordo che al primo allenamento già puntava l'uomo e chiedeva il pallone. Era davvero piccolo, ma non si è mai intimorito. Abbiamo apprezzato sin da subito le sue qualità. Il suo modo di giocare al limite della sfacciataggine dimostrava che era un calciatore di prospettiva". L'esordio è arrivato il 13 agosto del 2005, in una sfida pareggiata 1-1 con il Gimnasia y Esgrima de La Plata. "Ha giocato a malapena 15 minuti dopo aver sostituito Santiago Raymonda, ma abbastanza a lungo perché i media argentini evidenziassero la sua personalità nel chiedere il pallone". Il resto è storia.

PERFETTO - Quindici anni e qualche mese dopo, Papu è un calciatore maturo e di profilo internazionale.  E, secondo Burruchaga, l'ideale per il Siviglia: “Può fornire tantissime soluzioni. È capace di giocare sulla fascia, al centro o come trequartista. Nel ruolo dove a mio avviso ha ancora margini di miglioramento. Quando l'ho conosciuto si muoveva molto sull'esterno, puntava e dribblava l'uomo, cercava costantemente l'uno contro uno. Adesso è maturato anche tatticamente,  ed è in grado di giocare anche come regista offensivo. Ha avuto una carriera straordinaria in Italia. Da allenatore della Nazionale ne ho apprezzato l'evoluzione. A mio modesto parere, penso che avrebbe meritato la convocazione per i Mondiali in Russia. E credo anche che gran parte delle imprese dell'Atalanta siano state merito suo. L'Atalanta, come il Siviglia, è una squadra che corre molto e concede pochi punti di riferimento. In questo contesto tattico il Papu è indispensabile. Per questo sono convinto che si adatterà velocemente e senza problemi al Siviglia".