Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Paolo Cannavaro: “Giovani? Se ne parlava nel 2017 e ora si ricomincia. La verità è che serve coraggio”

NAPLES, ITALY - OCTOBER 29:  Paolo Cannavaro of US Sassuolo greets his old fans before the Serie A match between SSC Napoli and US Sassuolo at Stadio San Paolo on October 29, 2017 in Naples, Italy.  (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

L'ex calciatore di Napoli, Parma e Sassuolo, reduce anche dalla esperienza da allenatore in Cina indica nel decisionismo la via da seguire. 

Redazione Il Posticipo

Paolo Cannavaro era presente alla finale del Torneo di Viareggio, vetrina per eccellenza dei giovani, argomento tornato di moda dopo la clamorosa eliminazione maturata contro la Macedonia del Nord. L'ex calciatore di Napoli, Parma e Sassuolo, reduce anche dalla esperienza da allenatore in Cina ha parlato ai microfoni di tuttomercatoweb indicando nel decisionismo la via da seguire per il rilancio del calcio italiano.

DELUSIONE - Palermo è una ferita ancora aperta: difficile trovare un perché alla sconfitta con la Macedonia.  "Per un paese come l'Italia non partecipare ai mondiali è una piccola tragedia sportiva. Non è facile trovare le motivazioni, servirebbe comunque aprire un discorso molto ampio. La sfida con la Macedonia è stata davvero molto particolare, ci si aspettava in risultato diverso, è arrivata una sconfitta inattesa e difficile da spiegare.  Di certo non si può rimproverare l'impegno dei ragazzi. Hanno dato tutto in campo".

VIAREGGIO - Dal Viareggio si potrebbe avviare un percorso basato sui giovani. "Se ne era già parlato nel 2027, quando la nazionale non si è qualificata dopo la Svezia. In realtà la squadra mostra dei limiti da diverse edizioni dei mondiali. Credo che si dovrebbe osare di più, parlando di meno. Del resto da un punto di vista calcistico l'Italia è un paese che ha davvero poco da chiedere. C'è materia prima in abbondanza. Solo ricominciando a lavorare bene sui giovani possiamo riportare il calcio italiano ai livelli che ha sempre avuto".

NAPLES, ITALY - OCTOBER 29:  Paolo Cannavaro of US Sassuolo greets his old fans before the Serie A match between SSC Napoli and US Sassuolo at Stadio San Paolo on October 29, 2017 in Naples, Italy.  (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 CORAGGIO - Alle idee però devono seguire anche le azioni sul campo, nel senso più pieno del termine. "Credo sia questione di coraggio, occorre restituire fiducia ai ragazzi come tanto tempo fa anche a costo di lasciare qualcosa alla tattica. Abbiamo esportato tanto del nostro calcio all'estero, ma adesso è il momento di intraprendere strade diverse, come quelle che si percorrono altrove. Meno tattica, più intensità. Non lo dico per presunzione ma i calciatori italiani non hanno alcunché da invidiare a Brasile, Germania, Spagna, Francia o Inghilterra".