calcio

Palloni sotto la maglia, cuori, anelli, ciucci, segni, baci: dediche a mogli e… amici

Redazione Il Posticipo

Tutta l'Italia trattiene il fiato quando, di fatto a tempo scaduto, Totti poggia il pallone sul dischetto per calciare il rigore contro l'Australia che può schiudere le porte ai quarti di finale dei Mondiali del 2006. Il capitano giallorosso calcia una folgore alle spalle del portiere e poi esulta portandosi il dito alla bocca mimando il "ciuccio". Non è dedicato al figlio, ma alla moglie Ilary, che, parola di Totti, a volte si addormenta assumendo questa posizione.

Potresti esserti perso