Pallone d’oro, Simeone dice la sua: “Messi e CR7 i migliori, ma non stavolta! Quest’anno, nessuno come Griezmann”

Chi si aggiudicherà il Pallone d’Oro? I favoritissimi sembrano tre: Luka Modric, Raphael Varane e Kylian Mbappè. Manca qualcuno? Beh, forse Cristiano Ronaldo e…Antoine Griezmann. Che non è stato considerato abbastanza dai giurati. Questo, almeno, è il pensiero di Diego Simeone.

di Redazione Il Posticipo

Les jeux sont faits, rien ne va plus. Ormai il Pallone d’Oro è assegnato, perchè i giurati hanno votato e l’attesa riguarda solamente la proclamazione, che si avvicina a grandi passi. Chi vincerà? I favoritissimi sembrano tre: Luka Modric, capitano della sorpresa Croazia e vincitore della Champions con il Real Madrid. Raphael Varane, campione di tutto, in Europa e nel Mondo. E Kylian Mbappè, la nuova stella del calcio. Manca qualcuno? Beh, forse Cristiano Ronaldo e…Antoine Griezmann. Che con tutta probabilità non è stato considerato abbastanza dai giurati. Questo, almeno, è il pensiero di Diego Simeone.

IL MIGLIORE – Che, nonostante si forse tardi, interviene proprio sulle colonne di France Football per perorare la causa del “suo” Piccolo Diavolo. Un elogio che forse da un “duro” come il Cholo neanche ci si aspetta. “Da un punto di vista generale possiamo affermare che Leo Messi e Cristiano Ronaldo sono i migliori calciatori del mondo. Ma non in questo 2018. Stavolta è Antoine che è stato davanti a tutti. Nell’anno 2018 nessun calciatore al mondo ha fatto cose tanto importanti per la sua squadra come Griezmann, sia per la Francia che per l’Atletico Madrid. La realtà è questa. Quando un calciatore fa in modo che tutta quanta la squadra possa funzionare basandosi sul suo cervello, ha un valore incalcolabile”.

INTELLIGENZA – E Simeone continua nell’elogio a Griezmann, che evidentemente per il suo Atletico Madrid è davvero la pedina fondamentale. Ma non solo, perchè secondo il Cholo anche la nazionale campione del mondo non avrebbe vinto il mondiale se il colchonero non fosse stato al massimo delle sue possibilità. “La Francia gioca grazie alla sua intelligenza. Quando Antoine è lucido e fisicamente in piena forma, non c’è un calciatore al mondo che sappia capire e interpretare il calcio come fa lui. E anche guardando al di là dei titoli che ha vinto in questa stagione, la Coppa del Mondo, l’Europa League e la Supercoppa Europea, non c’è stato nessun giocatore di calcio che sia stato più importante per la squadra di quanto abbia fatto Griezmann”. I giurati l’avranno pensata così? Complicato a dirsi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy