Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Pallone d’Oro africano, Eto’o loda Manè attaccando Salah: “Tu ti sei presentato alla cerimonia sia quando hai vinto che quando hai perso…”

Manè vince il Pallone d'Oro africano davanti al compagno di squadra Salah, ribaltando la classifica della scorsa edizione. Peccato che il senegalese si sia presentato anche quando è arrivato secondo, mentre l'egiziano no. Un qualcosa che all'ex...

Redazione Il Posticipo

Che Samuel Eto'o sia un grande ammiratore di Sadio Manè è fuor di dubbio. Le dichiarazioni dell'ex interista sul Pallone d'Oro, che secondo lui il calciatore del Liverpool non ha vinto perchè i giurati africani non sono stati compatti sul suo nome, spiegano perfettamente quanto il camerunese stimi il senegalese. E quindi sarà stata una gioia per l'ex attaccante, che si è ritirato qualche mese fa, premiare proprio Manè con il suo primo Pallone d'Oro africano. La cerimonia, che si è tenuta in Egitto, ha visto l'esterno di Klopp trionfare di fronte al compagno di squadra, nonchè padrone di casa, Salah. A cui Eto'o ne ha dette quattro...

CLASSIFICA - Non direttamente, perchè come riporta Mundo Deportivo il protagonista del triplete dell'Inter di Mou non nomina Salah in maniera evidente. Ma nel discorso che Eto'o fa a Manè, complicato non riconoscere una frecciatina all'egiziano. Tutto nasce dalla classifica del premio: quest'anno vince Manè su Salah, con terzo Mahrez. Lo scorso anno invece aveva vinto l'ex romanista, davanti al compagno di squadra e ad Aubameyang. E, per uno strano scherzo del destino, l'egiziano ha ricevuto il riconoscimento per il 2018 (il secondo della sua carriera) in Senegal, mentre il senegalese ha trionfato...in Egitto. Unica differenza? Manè si è presentato quando è arrivato secondo, mentre Salah no.

ATTACCO - E questo ad Eto'o non è evidentemente andato giù. Al punto che l'ex centravanti ha consegnato il premio a Manè e poi lo ha lodato per la sua scelta: "Sadio, vorrei dirti una cosa: sei il grande campione che sei perchè sai vincere, ma sai anche perdere. Lo scorso anno sei venuto a Dakar per la cerimonia e sei venuto qui anche quest'anno in Egitto". Non come Salah, che nel gennaio 2019 ballava assieme a Manè con il premio in mano e che stavolta, pur essendo la cerimonia nel suo paese, non si è presentato sapendo della vittoria del suo compagno di squadra. Considerando che tra i due spesso ci sono state frizioni per mancati passaggi, la decisione di Salah sembra confermare che sebbene formino un duo inarrestabile, gli attaccanti di Klopp non sono certo amici...