Pagliuca, un consiglio a Donnarumma. “Fossi in lui, andrei a giocare in Premier”

L’ex portiere di Sampdoria, Inter e Bologna consiglia a chi ritiene essere il suo erede naturale, un futuro lontano da Milano. E spiega anche il perché…

di Redazione Il Posticipo

Gianluca Pagliuca consiglia un futuro lontano da Milano a Donnarumma. L’ex portiere di Sampdoria, Inter e Bologna, intervenuto su TMW Radio ha affrontato diversi temi e ripercorso la sua carriera. Partendo ovviamente dall’attualità. “Se fossi ancora un giocatore avrei paura, soprattutto per i miei affetti. Ora ci sono meno contagi e più possibilità per riprendere, anche se archivierei questa stagione, non assegnando titoli e ripartendo a settembre“.

RICORDI –  Dal presente al passato. Pagliuca ricorda con affetto i tempi alla Sampdoria: “Ho avuto tanti allenatori importanti. Il primo è stato Boskov, che ha creduto in me e mi ha lanciato”La mia parata più importante è il rigore su Matthaus, ha deciso lo scudetto della Sampdoria. Ricordo anche un alterco con Vierchowood. Si giocava contro la Lazio, io lasciai rimbalzare un pallone per poi prenderlo. Mi gridò di tutto perché pensava dovessi afferrarlo prima io mi sono arrabbiato e l’ho preso per il collo. Per fortuna vincemmo”. Quella Sampdoria sfiorò l’Europa. E Pagliuca un mondiale.  “Contro il Barcellona Mancini non era in grandi condizioni, come Vialli. Abbiamo avuto qualche occasione, anche loro. La punizione di Koeman fece la differenza. Ho giocato tre mondiali, ne ho perso uno per un rigore. Capita, ma resta una grande amarezza“.

DONNARUMMA – C’è spazio anche per parlare di mercato. In questa ottica Pagliuca è in vena di consigli, specialmente per Gianluigi Donnarumma. “Lui è il top, so che è molto legato al Milan, magari vorrebbe anche rimanerci, però deve stare attento. Rischia di attendere diversi anni prima di vincere qualcosa di importante. In generale, ci sono altre squadre che sono nettamente più avanti. Dovrebbe pensarci. Se fossi al posto suo e arrivasse una grande offerta, ci penserei. Soprattutto se provenisse dalla Premier. Se fossi in lui, punterei ad andare a giocare in Inghilterra“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy