Pagliuca: “Buffon non gioca per il record, ma per vincere. Il “mio” Ronaldo più forte di Cristiano”

Pagliuca: “Buffon non gioca per il record, ma per vincere. Il “mio” Ronaldo più forte di Cristiano”

Gianluca Pagliuca, ex portiere di Bologna, Sampdoria e Inter, attuale preparatore dei giovani portieri rossoblù, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, spaziando su vari argomenti. I golleghi, le sue ex squadre, la Nazionale e… Cristiano Ronaldo.

di Redazione Il Posticipo

Gianluca Pagliuca, ex portiere di Bologna, Sampdoria e Inter, attuale preparatore dei giovani portieri rossoblù, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, spaziando su vari argomenti. I colleghi, le sue ex squadre, la Nazionale e Cristiano Ronaldo.

COLLEGHI – A proposito di portieri. Buffon ancora gioca. E ancora non c’è un erede. “Sono  usciti fuori tanti portieri  in gamba. La scuola  italiana ha il vantaggio di avere preparatori molto avanti rispetto all’estero. Gigi è e resta un leader. Si vede che ha ancora voglia ed entusiasmo, bastava vederlo nella sfida di Coppa Italia, mentre caricava i compagni. Non è tornato alla Juve per superare il record di Maldini, ma per raggiungere altri traguardi”. Il record dei rigori parati è di Handanovic, però. “L’importante è che sia un giocatore dell’Inter a detenerlo. I rigori sono sempre stato il mio cavallo di battaglia.  Da ragazzino  sognavo di vincere un Mondiale ai rigori e invece ne ho perso un finale e uno ai quarti. Quando ci ripenso dico ‘porca miseria!’, forse sarebbe stato meglio perdere 4-0”.

NAZIONALE – A proposito di Nazionale, Pagliuca esprime anche un giudizio sugli azzurri. “Io la vedo molto bene, credo possa essere una delle favorite per la vittoria. Mancini ha messo su una squadra giovane e con entusiasmo. Una nazionale ripartita da zero, che si è saputa ricostruire dalle macerie dell’eliminazione  contro la Svezia. Ci sono i presupposti per un grandissimo Europeo.

CAMPIONATO – Pagliuca fa anche le carte al campionato. “L’Inter ha tirato il fiato dopo un girone straordinario. E credo che la società faccia bene a prendere  giocatori importanti per aiutare chi ha iniziato la stagione.La Juve  però non perde quasi mai. Conte sicuramente è uno dei migliori. Ha grande personalità, non gli manca davvero niente. Anche se credo che il “mio” Ronaldo sia molto più forte del Ronaldo di adesso”. Anche di Messi: “Sono giocatori diversi. Ronaldo e CR7 sono più punte rispetto all’argentino”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy