Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Page, Ct del Galles: “Sento ancora Giggs e mi ha detto che sarà pronto ad aiutarmi”

(Photo by Richard Heathcote/Getty Images)

Il nuovo CT del Galles parla del suo rapporto con Giggs.

Redazione Il Posticipo

Il Galles parteciperà all'Europeo con qualche guaio in casa. L'allenatore degli ultimi anni, la leggenda della nazionale e del Manchester United Ryan Giggs, non sarà in panchina per via del processo a suo carico. In sua vece, la nazionale è gestita dall'ex difensore Rob Page che dichiara di aver parlato con Giggs. E l'esterno mancino della 'classe del '92' è pronto a dare una mano al CT dei Dragoni in vista delle partite del girone contro Svizzera, Turchia e Italia.

IN CONTATTO - Stando a quanto riporta il Sun, Page è rimasto molto legato al gallese. A tal punto da ricevere consigli e aiuti: "Siamo rimasti in contatto e ho avuto una bella conversazione con lui la scorsa settimana. Non si passa dall'essere amici e colleghi e dal lavorare insieme in un ambiente a rinnegare tutto. Ovviamente continuerò a parlare con lui. Giggs vuole il meglio per il Galles. Per quanto riguarda le decisioni finali sarò io il responsabile, ma Ryan è stato molto chiaro. Se avessi bisogno di un consiglio o di una prospettiva diversa sulle scelte tattiche o su chi mandare in campo lui ci sarà sempre. È bello sentirlo, ma alla fine, le decisioni che verranno prese dipenderanno da me, Albert Stuivenberg, Tony Strudwick, Tony Roberts e il resto dello staff".

 (Photo by Charles McQuillan/Getty Images)

CONTINUITÀ - Page si è ritrovato ad allenare il Galles. E la Federazione a gestire una situazione complicata. "Ovviamente sono circostanze difficili, non ci si può nascondere. Ma è quello che è... questa è la situazione in cui ci siamo ritrovati, quindi cercheremo di affrontarla nel miglior modo possibile. Nei due precedenti ritiri i ragazzi hanno reagito in modo positivo, non sono stati toccati in alcun modo dalla vicenda e penso che anche in questo caso possa prevalere il buon senso. In questo gruppo c'è una continuità che anche i giocatori vorrebbero conservare. Abbiamo tutti tutti ben chiaro su quello che accadrà, Ryan incluso, e possiamo concentrarci sul lavoro da svolgere: preparare la squadra per gli Europei".