Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Non solo Europeo. Padre, figlio e Champions: i Chiesa unici delle famiglie d’Europa a segnare due gol…

TURIN, ITALY - DECEMBER 02: Federico Chiesa of Juventus celebrates after scoring his team's first goal during the UEFA Champions League Group G stage match between Juventus and Dynamo Kyiv at Allianz Stadium on December 02, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Federico segna ed entra (ancora una volta) con suo papà nella storia dell'Europa che conta. Con loro anche altri... italians ma sono gli unici ad aver segnato una doppietta.

Redazione Il Posticipo

CHIESA

TURIN, ITALY - DECEMBER 02: Federico Chiesa of Juventus celebrates after scoring his team's first goal during the UEFA Champions League Group G stage match between Juventus and Dynamo Kyiv at Allianz Stadium on December 02, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Padre, figlio e spirito Champions. I Chiesa entrano nella storia della competizione europea. Il gol di Federico alla Dinamo Kiev permette alla famiglia di entrare in un club esclusivo. Anche suo padre Enrico è stato protagonista nelle notti europee che contano. Il primo gol è nella doppietta contro lo Sparta Praga nell'edizione 1997/1998. Contro il Porto, Federico ha segnato la sua prima doppietta. Fra l'altro Federico Chiesa è il primo giocatore italiano a segnare almeno due gol in una partita della fase a eliminazione diretta della Champions League con la Juventus. L'ultimo a riuscirci è stato Filippo Inzaghi, nell'aprile 1999 contro il Manchester United. Strabiliante.

KLUIVERT

 CAGLIARI, ITALY - MARCH 01: Justin Kluivert of Roma celebrates his goal 1-3 during the Serie A match between Cagliari Calcio and AS Roma at Sardegna Arena on March 1, 2020 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)
—  

Justin Kluivert ha anticipato di qualche mese il suo collega Federico. Figlio d'arte anche lui, di Patrick, un'eredità altrettanto pesante. La prima e sinora unica rete dell'ex calciatore giallorosso arriva nella stagione 18/19 nella sfida contro il Plzen. Il padre ne ha segnato qualcuno in più. Uno è valso la Champions, contro il Milan. Il primo in assoluto arriva nella stessa stagione, 1994/1995 all'Aek Atene.

THURAM

 (Photo by Martin Meisner/Pool via Getty Images)
—  

La doppietta con il Real Madrid non permette alla sua squadra di vincere la partita, ma Marcus ha già superato suo padre nel rendimento... di reti in Champions. Non che ci volesse molto considerando che l'unico gol di Lilian risale al 1993/1994 in una sfida contro lo Spartak Mosca ma è comunque un buon inizio. In ogni caso il papà ha una bacheca più ricca.

AYEW

 BIRMINGHAM, ENGLAND - OCTOBER 24: Andre Ayew of Swansea City and Jordan Ayew of Aston Villa shake hands after the Barclays Premier League match between Aston Villa and Swansea City at Villa Park on October 24, 2015 in Birmingham, England. (Photo by Malcolm Couzens/Getty Images)
—  

In tanti ricordano Abedi Pelè, star del Marsiglia. Il suo cognome completo era Ayew. E anche la sua famiglia ha scritto pagine di Champions. La prima rete risale al periodo in cui il trofeo era ancora Coppa dei Campioni. Gol in semifinale allo Spartak Mosca. I figli Andrè e Jordan trovano la prima gioia rispettivamente contro il Borussia Dortmund (fase a gironi nella stagione 11/12)  e l'Arsenal (fase a gironi nella stagione 13/14). Doppio record. Loro sono in tre e con una maglia in comune, quella del Marsiglia.

ZAHOVIC

 LJUBLJANA, SLOVENIA - NOVEMBER 13: EM QUALIFIKATION 1999, SLOWENIEN - UKRAINE (SLO - UKR) 2:1, Ljubljana; Zlatko ZAHOVIC/SLO, Serguei POPOV/UKR (Photo by Andreas Rentz/Bongarts/Getty Images)
—  

Un'altra famiglia che ha scritto e tramandato di padre in figlio il proprio cognome nei marcatori di Champions e quella di Zhaovic. Zlattko segna la sua prima rete con la maglia del Porto in un incontro della fase a gironi della edizione del 1996/1997 contro il Rosenborg. Nel 2014/2015 il figlio Luka, con la maglia del Maribor, mette a segno il suo unico gol contro lo Sporting.