Özil e la troppa sincerità: “Stadio preferito? Il Bernabeu” e i tifosi dell’Arsenal esplodono

Özil e la troppa sincerità: “Stadio preferito? Il Bernabeu” e i tifosi dell’Arsenal esplodono

Durante una serie di domande e risposte su Twitter, il fantasista dell’Arsenal Mezut Özil viene interrogato su quale sia lo stadio preferito in cui giocare. Risposta, il Santiago Bernabeu. Ed è subito bagarre!

di Redazione Il Posticipo

Strana dote la sincerità. A parole, tutti ma proprio tutti dicono di voler essere circondati da persone sincere, senza peli sulla lingua e soprattutto oneste intellettualmente ma quando queste dicono qualcosa di scomodo, che può non piacere, si accendono delle dinamiche di antipatia e astio. Quindi, la sincerità è apprezzata soltanto quando condivide scopi, pareri e preferenze con la sensibilità dell’interlocutore? Così pare e nessuno lo può testimoniare meglio di Mezut Özil. Il fantasista dell’Arsenal dice sempre quello che pensa e si ritrova puntualmente in mezzo a turbini mediatici.

MEGLIO FERMARSI – Lo ha fatto di nuovo. Ha twittato. Sarebbe stato meglio che il cervello offensivo dei Gunners si fosse limitato al post precedente: un messaggio di vicinanza, con il cuore, al piccolo Charlie Middleton, morto a dodici anni di cancro il 23 ottobre. “È una brutta notizia sapere che, il mio grande amico e grandissimo tifoso dell’Arsenal Charlie, se ne è andato dopo la sua lunga battaglia contro il cancro. Riposa in pace, ci mancherai tantissimo”. Un tweet da più di ottanta mila Likes, meritatissimi.

#ASKMEZUT – Il punto è che la mattina seguente il tedesco si è prestato al più classico dei Q&A di Twitter con l’hashtag #AskMezut. Dov’è inciampato Özil? Beh, un utente ha chiesto al calciatore quale fosse il suo stadio preferito in cui giocare e lui ha risposto: “Santiago Bernabeu”. Il trequartista ha abbondantemente calpestato il prato del Bernabeu nelle sue tre stagioni con la maglia del Real Madrid e quindi lo conosce bene. Considerando il prestigio della struttura, l’atmosfera e il calore, non è che si possa biasimare più di tanto il tedesco di origini turche.

LA RISPOSTA – I fan, però, non la prendono bene. Oltre a qualche insulto abbastanza irripetibile, le reazioni variano e parecchio. C’è chi risponde al numero 10 con l’emoticon di un cuore spezzato, chi resta offeso in nome del povero snobbato impianto dell’Arsenal e chi, dotato di un’ironia più sottile, risponde “Che razza di strano modo di pronunciare ‘Emirates Stadium!”. In fin dei conti, di cosa può essere accusato Özil? Del resto, ha soltanto risposto sinceramente a una domanda e se ritiene che il migliore stadio in cui giocare dia il Bernabeu non significa necessariamente che consideri l’Emirates uno stadio di serie B. È dura essere sinceri. E anche essere Özil!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy