Ozil, atto d’amore per l’Arsenal: paga lo stipendio a…. Gunnersaurus

Il trequartista compie un gesto di distensione verso i tifosi.

di Redazione Il Posticipo

Ozil, per una volta, cuore d’oro. Il centrocampista dell’Arsenal, finito nel mirino dei tifosi per non essersi tagliato lo stipendio qualche mese fa in seguito all’impatto economico della pandemia sulle casse del club, compie un gesto di distensione verso i tifosi. Continuerà, di tasca sua, a pagare lo stipendio a Gunnersaurus, la mascotte amatissima dai tifosi dei gunners.

LICENZIATO – La crisi generata dal covid-19 aveva portato il club del North London a una scelta piuttosto dolorosa. Licenziare la mascotte Gunnersaurus il cui stipendio era diventato superfluo in un’ottica di gestione dei tagli. E così dopo 27 anni, il simpaticissimo dinosauro con indosso la maglia dei gunners, sarebbe rimasto negli spogliatoi. Sotto il costume, fra l’altro, si cela il dramma personale di Jerry Ouy. L’uomo che si cela dietro il costume è infatti uni dei 55 dipendenti licenziati dall’Arsenal.

AIUTO – Ozil, evidentemente colpito dalla vicenda, si è sentito in dovere di fare qualcosa. E come pubblicato attraverso il proprio profilo ufficiale Facebook, si è messo le mani in tasca pur di salvare il lavoro di Jerry e impedire… l’estinzione di Gunnersaurus. “Ero così triste che Jerry Quy ovvero la nostra famosa e fedele mascotte Gunnersaurus e parte integrante del nostro club sono stati considerati di troppo dopo 27 anni. E per questo, mi offro di rimborsare l’Arsenal dello stipendio completo di questo ragazzone verde affinché sino a che sarò un giocatore dell’Arsenal. Jerry possa continuare il suo lavoro che ama così tanto”. Un gesto che è stato molto apprezzato dai tifosi che hanno commentato il gesto ringraziando Ozil per la sensibilità dimostrata verso le difficoltà di un uomo che si era ritrovato improvvisamente senza lavoro.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy