L’Adidas molla Mesut Özil: incompatibilità di immagine

Stando a quanto riporta Bild l’Adidas non vuole rinnovare il contratto di sponsorizzazione al calciatore tedesco.

di Riccardo Stefani

Ozil rischia di restare senza sponsor.  Dopo la Mercedes stando a quanto riporta Bild anche l’Adidas non vuole rinnovare il contratto di sponsorship con Mesut Özil per questioni… d’immagine.

ACCUSE – La popolarità del calciatore è ai minimi storici. Il trequartista è in piena rotta di collisione con la federazione tedesca. Una scelta precisa, da parte del marchio, che pur essendo una multinazionale, affonda le proprie radici proprio in Germania. Dove Ozil non è esattamente molto popolare dopo la presa di posizione legata alla situazione politica in Turchia. La sua amicizia con Erdogan è stata molto chiacchierata. Il ragazzo l’ha presa male e ha detto esplicitamente di non voler più avere a che fare con la nazionale tedesca. E così, in Germania, nonostante sia stato fra i protagonisti della vittoria del Mondiale del 2014 in Brasile, ha perso diverse posizioni nell’indice di gradimento. E non è che a Londra, con l’Arsenal, la situazione sia tanto differente.

TAGLI – Ozil paga anche un calo di prestazioni che sono sotto gli occhi di tutti. Il  suo rendimento delle ultime stagioni ha lasciato molto, se non troppo, a desiderare. Un solo gol in stagione è davvero poco. Specialmente per chi è il giocatore più pagato dell’Arsenal. Ozil ha un contratto da 350.000 sterline a settimana. Stipendio che è diventato  un caso. I tifosi lo hanno bersagliato per il suo rifiuto di tagliarsi gli emolumenti del 12,5%  in seguito all’impatto economico generato dal Covid-19. La somma dei fattori ha portato a un cambiamento radicale della percezione, dentro e fuori dal campo, del calciatore. La popolarità ha vissuto tempi di gran lunga migliori. L’Adidas ne è consapevole e ha deciso di scaricarlo. E così Ozil che non ha voluto tagliarsi lo stipendio, è stato vittima del “taglio” dei costi del colosso tedesco. Una perdita da 3,5 milioni di euro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy