Occhio Cannavaro, Wenger…ti ruba la panchina!

Arsene Wenger senza calcio proprio non sa stare. Il francese ha confermato che il suo ritorno in panchina è imminente e da quanto trapela dall’Inghilterra, potrebbe costare il posto al Pallone d’Oro 2006.

di Redazione Il Posticipo

Arsene Wenger senza calcio proprio non sa stare. Il francese ha confermato che il suo ritorno in panchina è imminente e che il suo anno sabbatico dopo aver lasciato l’Arsenal si è trasformato in…pochi mesi. Al primo rintocco del 2019, Wenger sarà pronto a rimettersi in gioco e già fioccano le voci su possibili destinazioni. Il Giappone, sia per la J-League che per la nazionale, visto che il transalpino conosce bene l’ambiente avendo lavorato nel paese del Sol Levante negli anni Novanta. Qualche altra selezione, magari in Africa, per aiutare lo sviluppo del calcio del Continente Nero. Oppure…la panchina di Fabio Cannavaro!

WENGER IN CINA? – Come dimostra Marcello Lippi, anche per chi ha un palmares d’eccezione la Cina…è vicina. E secondo il Sun, Wenger starebbe valutando un’offerta da circa otto milioni di euro a stagione da parte del Guangzhou Evergrande, che vorrebbe metterlo sotto contratto per due anni. Le tempistiche, del resto, sono quelle giuste, con la Chinese Super League che terminerà a breve e riprenderà come al solito a inizio marzo. Prendendo in mano la squadra a gennaio, non ci sarebbero problemi per Wenger. Preparazione, calciomercato e poi via, alla scoperta di un calcio totalmente diverso da quello frequentato negli ultimi vent’anni. Tutto bello ma…Cannavaro?

CANNAVARO – Il Guangzhou Evergrande, la squadra più costosa del calcio cinese con un valore stimato della rosa di circa cento milioni di euro, è secondo in campionato dietro lo Shanghai SIPG del duo brasiliano Oscar e Hulk. Non certo una posizione che può far piacere alla dirigenza, soprattutto considerando che Cannavaro, riportato sulla panchina a inizio stagione dopo l’ottima esperienza al Tianjin, è l’allenatore più pagato del campionato e con i suoi dodici milioni uno dei dieci più pagati al mondo. Con cinque partite da giocare, la squadra del Pallone d’Oro 2006 deve recuperare quattro punti alla capolista e difendere il titolo conquistato nella scorsa stagione sotto la guida di Felipao Scolari. Se così non dovesse essere, la panchina di Cannavaro è a rischio. E il fatto che si parli di Wenger di certo non può far stare tranquilli…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy