Occhi a mandorla per richiamare Kubo: in Spagna è bufera razzismo sul Maiorca

Occhi a mandorla per richiamare Kubo: in Spagna è bufera razzismo sul Maiorca

Da quando Takefusa Kubo è tornato in Spagna, non si è fatto che parlare molto spesso di lui. Il “Messi asiatico” del Real è in prestito al Maiorca, ma forse c’è qualcosa da migliorare con la società: la comunicazione non verbale. Come dimostra una scena che è già diventata virale e oggetto di critiche.

di Redazione Il Posticipo

Da quando Takefusa Kubo è tornato in Spagna, non si è fatto che parlare molto spesso di lui. Il “Messi asiatico”, cresciuto nella cantera del Barça ma costretto a tornare in Giappone, è stato riportato in Spagna dal Real Madrid, che per garantirgli minuti ha pensato di prestarlo al Maiorca. Buona idea, perchè il ragazzino si è spesso messo in luce e per essere un classe 2001 ha già accumulato oltre 1000 minuti di gioco in Liga. Alle Baleari il nipponico si trova bene, ma forse c’è qualcosa da migliorare con la società: la comunicazione non verbale. Come dimostra una scena che è già diventata virale e oggetto di critiche.

OCCHI A MANDORLA – Durante il match del Maiorca contro l’Espanyol, Kubo è entrato a 25 minuti dalla fine per sostituire Salva Sevilla. Fin qui, nulla di strano, ma in rete molti hanno notato che prima del suo ingresso in campo è accaduto qualcosa di particolare. Dani Pastor, membro dello staff di Vicente Moreno, ha richiamato il giapponese dal riscaldamento con un gesto abbastanza evidente. Prima ha fischiato verso il gruppetto di calciatori che stava facendo stretching, poi ha lanciato un segnale parecchio eloquente: quello degli occhi a mandorla. Un modo come un altro per attirare l’attenzione del calciatore, ma che forse può essere male interpretato.

CRITICHE – E infatti nei confronti di Pastor sono immediatamente volate accuse di razzismo. “Un gesto disgustoso”, scrive qualcuno. E molti utenti asiatici chiedono spiegazioni direttamente al Maiorca, menzionando l’account ufficiale del club: “Cosa starebbe a rappresentare il gesto del collaboratore del tecnico nei confronti di Kubo?”. E qualcuno da Madrid si preoccupa: “Vi ricordate quando Valverde ha fatto quel gesto in Corea e lo hanno trattato malissimo? Kubo sarà molto offeso”. Il club delle Baleari, dal canto suo, non si è ancora espresso al riguardo, ma di certo per il membro dello staff non saranno giornate semplici.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy