calcio

Inter, gennaio è un mese maledetto. Inzaghi dovrebbe imitare Pioli per non… scivolare sul ghiaccio

Il primo mese dell'anno coincide sempre con il calo dei nerazzurri con un tecnico al primo anno in panchina: tranne un'unica eccezione.

Redazione Il Posticipo

FLORENCE, ITALY - SEPTEMBER 16: Stefano Pioli manager of AFC Fiorentina gestures during the Serie A match between ACF Fiorentina and Bologna FC at Stadio Artemio Franchi on September 16, 2017 in Florence, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
 (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

Simon Inzaghi inizi a prendere le contromisure. Storicamente, il primo mese dell'anno coincide sempre con il calo dei nerazzurri con un allenatore nuovo in panchina: anche Conte a inizio 2020 ha sofferto il grande freddo, esattamente come i suoi predecessori. Anche se è riuscito perlomeno a restare in scia al primo posto, nonostante il calo evidente. Nel primo anno di Conte l'Inter ha viaggiato a una media di 1,50 punti a partita.