Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Niente Pallone d’Oro, la Polonia insorge: “È ingiusto, lo avrebbe vinto Lewandowski!”

La cancellazione del Pallone d'Oro 2020 continua a fare rumore. Uno dei grandi favoriti di quest'anno sembrava essere Robert Lewandoswki. Peccato che il suo 2020 pazzesco non servirà a nulla. E in Polonia non l'hanno per nulla presa bene, a...

Redazione Il Posticipo

La cancellazione del Pallone d'Oro 2020 continua a fare rumore. Il premio individuale più atteso non verrà assegnato causa Covid-19 e molti sembrano avere ottimi motivi per lamentarsi, soprattutto dall'alto di una stagione positiva che poteva portare a vincere il trofeo. Uno dei grandi favoriti di quest'anno sembrava essere Robert Lewandoswki. Il polacco ha trascinato (come al solito) il Bayern Monaco al trionfo in Bundesliga e le sue prestazioni hanno garantito (a meno di crolli clamorosi nel ritorno degli ottavi contro il Chelsea) la qualificazione alla final eight di Champions League. Di conseguenza, il centravanti al momento attuale sembrava essere in prima fila tra i candidati.

STAMPA - Peccato che questo 2020 pazzesco di Lewa non servirà a nulla. E in Polonia non l'hanno per nulla presa bene, a partire dalla stampa. Il quotidiano sportivo PrzegladSportowy spiega: "È una grande delusione. Tutti si aspettavano che vincesse Lewandowski. Ha avuto un anno fantastico con così tanti gol, mentre Messi e Ronaldo non hanno dominato come al solito. Noi pensiamo che se lo meriti. E non capiamo i motivi della cancellazione, tranne che in Francia, tutti hanno giocato. E Neymar e Mbappé di PSG hanno ancora la possibilità di vincere la Champions League. È semplicemente ingiusto. E forse quest'anno è stata l'ultima possibilità di Lewandowski per vincerlo! Ma forse sarà ancora più motivato a vincere la Champions League con il Bayern”.

GRANDE EX - Fa eco anche Jan Tomaszewski, ex portiere della nazionale polacca. Che non riesce davvero a capire perchè l'assegnazione sia stata cancellata. "Per me, la decisione è la più grande assurdità del ventunesimo secolo. Non stiamo cancellando gli Oscar o il Premio Nobel. È semplicemente incredibile!". Incredibile lo è di certo, anche perchè andrebbe a confermare una sfortuna pazzesca dei calciatori del Bayern. Nel 2013, anno del Triplete dei bavaresi, Ribery sperava di vincere ma è arrivato terzo. Ora tocca al polacco veder fuggire via un premio decisamente alla sua portata. La speranza a Monaco di Baviera è che almeno si replichino i risultati di quell'anno. Almeno Lewandowski...si consolerebbe vincendo tutto.